All'ospedale di Foligno un nuovo angiografo

Il nuovo strumento costato 600mila euro andrà a sostituire quello in uso. Previsti trattamenti più efficaci ai pazienti colpiti da infarto

Il nuovo angiografo in arrivo al "San Giovanni Battista"

Prendono il via, lunedì 26 agosto, i lavori di installazione del nuovo angiografo nella struttura di Emodinamica del presidio ospedaliero “San Giovanni Battista“ di Foligno.

Si tratta di un macchinario di ultima generazione, finanziato con fondi ministeriali e regionali per un importo di oltre 600mila euro, che andrà a sostituire quello attualmente in uso e consentirà l’esecuzione delle coronarografie e delle angioplastiche con maggiore efficienza e diagnosi più accurate. Il nuovo angiografo garantirà quindi trattamenti più efficaci ai pazienti colpiti da infarto in un ospedale, come quello di Foligno, riconosciuto da anni, insieme alle due aziende ospedaliere di Perugia e di Terni, centro hub per la rete dell’infarto, struttura cioè a cui devono afferire 24 ore su 24 tutti i pazienti affetti da infarto cardiaco, che devono essere trattati nel più breve tempo possibile attraverso le cosiddette angioplastiche primarie.

La complessità delle procedure di installazione del nuovo angiografo determinerà l’interruzione del servizio dal 26 agosto fino a domenica 8 settembre. In questo periodo i pazienti saranno assistiti nelle Cardiologie delle aziende ospedaliere di Perugia e di Terni.

Dal 9 settembre la struttura di Emodinamica del “San Giovanni Battista”, diretta dal dottor Maurizio Scarpignato, tornerà a garantire tutte le urgenze differibili e gli esami necessari per le Utic dell’azienda.

“La direzione della Usl Umbria 2 – si legge in una nota - si scusa per gli eventuali disagi arrecati a pazienti e familiari”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento