Alla scoperta delle bellezze di Giano dell’Umbria con la Strada del Sagrantino

In programma escursioni al Museo archeologico ed al castello di Montecchio, ma anche visite guidate all’abbazia di San Felice e un appuntamento astronomico

L'associazione Strada del Sagrantino

Dal Museo archeologico al castello di Montecchio, a Giano dell’Umbria, passando per l’abbazia di San Felice e fino ad arrivare all’osservazione delle stelle: l’associazione della Strada del Sagrantino ha messo in agenda per gli amanti del trekking e dell’escursionismo un calendario di imperdibili appuntamenti, che ha preso il via oggi, sabato 25 maggio. Questa mattina, puntuale alle 9, infatti, è partita la prima escursione di quattro ore sui Monti Martani, alla scoperta  del Museo archeologico di Montecchio, “che raccoglie - come spiegato dalla vicepresidente dell’associazione, Giusy Moretti - i ritrovamenti di una villa romana appartenente a Caio Iulio Rufione”. 

L’associazione replicherà, poi, sabato primo giugno con un secondo evento. Ad attendere i partecipanti un percorso adatto a tutti guidati da Siska Lernout e Pietro Vittori con partenza alle 8.30 dal castello di Montecchio e la vista sulla splendida abbazia di San Felice. Il percorso prevede di attraversare una piccola tracciata dell’antica Flaminia e poi di procedere alla scoperta di un tesoro paesaggistico nascosto: i muri a secco, testimonianza di tempi remoti.

Infine, sabato 3 agosto Maurizio Caselli, appassionato di astronomia ed esperto divulgatore, allestirà a Montecchio un vero e proprio osservatorio astronomico. Sarà così possibile trascorrere una serata osservando il cielo stellato a occhio nudo e con i telescopi, il tutto accompagnato dal Montefalco Sagrantino Docg e dagli altri vini della denominazione Montefalco con una degustazione promossa dall’associazione Strada del Sagrantino.

Per informazioni e prenotazioni chiamare dopo le 17 Paris: 334.6058267. Gli eventi sono organizzati, oltre che con la collaborazione della Strada del Sagrantino, con l’Università agraria di Montecchio, la Nuova pro-Montecchio Flaminio, l’associazione Gmp Gaia e il Museo archeologico di Montecchio.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento