Andrea Paris riceve il gonfalone di Foligno e scherza: "Gigi Proietti mi ha detto che il lonfo è suo"

Il "prestigiattore" è stato ricevuto dal sindaco Nando Mismetti per ricevere un prestigioso riconoscimento. Pronta una raccolta fondi per aiutare realtà che operano nel sociale

Paris riceve il gonfaloncino da Mismetti

“Quando ho saputo che all’ultima puntata di Italia’s Got Talent ci sarebbe stato Gigi Proietti, non ho più pensato alla finale ma solo a lui, perché sono un suo grande estimatore”. Racconta così Andrea Paris l’ultimo atto di un percorso che lo ha visto lasciare a bocca aperta tutta Italia. Merito dei suoi trucchi che hanno saputo incantare Claudio Bisio, Federica Pellegrini, Mara Maionchi e Frank Matano, i quattro giudici del programma televisivo che hanno condotto il “prestigiattore” folignate direttamente alla finale. E che poi il pubblico ha contribuito a portare fino al podio, regalandogli il secondo posto.

“Non ero agitato all’idea della finale - commenta, ritornando con la memoria allo scorso venerdì - anche perché quando mi hanno detto della presenza di Gigi Proietti il mio unico pensiero è stato ‘voglio conoscerlo’”. E così è stato. Anche se a fare il primo passo è stato proprio il grande attore romano. “Eravamo dietro le quinte - ha detto - quando sia lui che il suo manager mi hanno riconosciuto. A quel punto Gigi Proietti mi si è avvicinato, mi ha dato un ‘buffetto’ e mi ha detto ‘Il lonfo è mio’”. Un sogno realizzato, quindi, per Andrea Paris che ha affrontato il palco senza timori e senza agitazione. Anche perché - ha dichiarato - “ho fatto sul palco di Italia’s Got Talent quello che faccio sempre durante i miei spettacoli”. 

Ma quella compiuta da Andrea Paris è stata una doppia impresa: oltre a sbaragliare la concorrenza arrivando alla finalissima e classificandosi secondo, a lui è andato il merito di aver unito con la sua magia un’intera città, quella di Foligno. Un merito che il sindaco Nando Mismetti gli ha voluto riconoscere ricevendolo a palazzo comunale e donandogli un piccolo gonfalone a nome di tutta la comunità. “Andrea - ha commentato il primo cittadino - ha dimostrato le sue capacità e ha ricevuto sostegno di tutta la città, ma è rimasto quello che era: un bravo folignate. E persone così non dimenticano mai da dove vengono. La sua spontaneità - ha concluso - è la sua forza e della nostra città”.

Ma com’è nata in Andrea Paris la passione per la magia? Come nella più classica delle storie, da bambino grazie all’incontro in oratorio con un mago, il Mago Sales. “Ciò che più mi colpì - ricorda - non furono i trucchi, ma la meraviglia che si disegnava sul volto delle persone. Il sorriso di una persona meravigliata è diverso da chi ride”. Tanto è bastato perché a dodici anni si mettesse a studiare seriamente la magia. Una curiosità che è diventata passione e che oggi è per lui anche una professione. Da allora sono trascorsi 12 anni. Oggi Andrea Paris ha 39 anni e continua a coltivare il sogno di regalare la meraviglia agli occhi della gente.

E ora il "prestigiattore" folignate si prepara ora ad una nuova grande magia. Ma questa volta non sarà il solo a stupire. Dopo la finale di Italia's Got Talent c'è stato, infatti, chi attraverso la pagina Facebook "Io sto con Andrea Paris" ha lanciato l'idea di raccogliere dei soldi per donarli al "prestigiattore" folignate ed all'impresa compiuta arrivando secondo al talent, il diretto interessato ha rilanciato con una raccolta fondi da destinare invece in beneficenza. E si sta già ragionando sull'Ente o sugli Enti a cui verrà devoluta la somma raccolta dalla beneficenza dei tanti supporters di Andrea Paris. 

 

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento