Boom di visitatori per il presepe di Rasiglia, dal Comune navette gratuite

Dopo il successo per Santo Stefano, il giorno dell'Epifania si replica. Questa volta però l'accesso verrà agevolato: i consigli per raggiungere il borgo

Il presepe di Rasiglia (foto di Alessio Vissani)

Interminabili file di automobili parcheggiate fino a Casenove e Serrone. Il boom di visitatori per il presepe vivente del borgo sul Menotre è stato innegabile. Nel giorno di Santo Stefano, per assistere alla meraviglia del presepe vivente di Rasiglia, la gente ha addirittura parcheggiato a tre chilometri di distanza per poi raggiungere a piedi il paesino. Strade bloccate e intasamenti vari hanno convinto l'amministrazione comunale, in collaborazione con il presidente dell'associazione Umberto Tonti, a mettere a disposizione dei visitatori un servizio navetta gratuito per l'Epifania. E' proprio per il 6 gennaio il secondo e ultimo appuntamento con la rappresentazione del presepe vivente di Rasiglia, con i mezzi di trasporto pubblici che sin dalla mattina partiranno dal campo container di Casenove, così da rendere più agevole la viabilità di quanti vorranno recarsi a visitare la rappresentazione della natività. Gli organizzatori sperano di ritrovare a Rasiglia le migliaia di visitatori giunti da ogni parte d'Italia. “Visto il rallentamento della viabilità nei pressi della frazione di Colle San Lorenzo a causa di un semaforo – spiega il presidente Tonti - consigliamo a quanti provenissero da Terni, Perugia e Foligno di percorrere la nuova superstrada per Macerata e uscire a Colfiorito, seguendo poi le indicazioni per Casenove”. La prima navetta partirà alle 12,30 dal villaggio delle casette di legno di Casenove, per arrivare a Rasiglia dieci minuti più tardi e ritornare a Casenove alla 12.50. Si proseguirà con questo ritmo fino alle 19.50, orario dell'ultima corsa da Casenove a Rasiglia (con l'ultima navetta che rientrerà alle 20,10).

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento