Chi ha bruciato il Gonfalone chiede scusa. Metelli: “Il popolo della Quintana lo perdoni” - FOTOGALLERY

Durante il cerimoniale di sabato sera in piazza della Repubblica il presidente dell’Ente Giostra ha spiegato di aver ricevuto una lettera dal responsabile. “È una persona sola”

Il corteo storico della Giostra della Rivincita 2019 (foto Pomponi/Vissani)

Chi ha dato alle fiamme il Gonfalone della Quintana ora ha anche un nome ed un cognome. L’ufficialità è arrivata nel corso del cerimoniale che si è tenuto sabato sera in piazza della Reppublica in vista della Giostra della Rivincita che si disputerà questo pomeriggio, domenica 15 settembre, al Campo de li Giochi.

A farne parola è stato lo stesso presidente dell’Ente Giostra, Domenico Metelli, che, durante i saluti di rito alla città, ha detto di aver ricevuto una lettera da parte del responsabile del gesto proprio nella mattinata di ieri, sabato 14 settembre. “Si tratta di un giovane, un folignate. Di una persona con delle difficoltà, sola, figlia di nessuno, protagonista di un evento che gli è sfuggito di mano e al quale voglio rispondere con ‘la concordia e l’amor della cittade tutta’. Io lo perdono e spero che anche il popolo della Quintana lo farà”.

Parole che sono arrivate al termine del consueto corteo delle rappresentanze rionali che, come da tradizione, ha attraversato le vie e le piazze del centro storico di Foligno, in mezzo a due ali di folla che hanno potuto godere, ancora una volta, di uno splendido spettacolo, quello che solo la Quintana sa regalare con le sue dame e i suoi nobili, con i suoi cavalieri in sella a stupendi destrieri e con le sue allegorie, a cominciare da quella della concordia, unica per i dieci rioni.

Quella concordia che è stata un po’ il filo conduttore di questa edizione 2019 della rievocazione folignate. L’ha richiamata il presidente Metelli, ma l’ha evocata anche il vescovo di Foligno, monsignor Gualtiero Sigismondi, dopo aver ricevuto il tradizionale cero dalle mani del numero uno di palazzo Candiotti e dal vicesindaco Riccardo Meloni. “In questi giorni - ha detto monsignor Sigismondi - ho pensato alla Quintana usando immagine, quella di un tessuto prezioso. Un tessuto fatto di relazioni, di storia e di bellezza, la bellezza della concordia. Un tessuto che ha un ordito ed una trama, che sono i rioni. E che ogni hanno viene ricamato al Campo de li Giochi dai suoi cavalieri”.

A rappresentare l’amministrazione comunale, invece, il vicesindaco Riccardo Meloni. “È un onore ed una responsabilità per me portare questo saluto, che vuole essere il nostro omaggio e il nostro dire siamo presenti, perchè la Quintana è l’essenza e l’anima di Foligno. Grazie ai quintanari per quello che fanno. Sono un esempio e insieme dovremo lavorare per far sì che questa manifestazione diventi il biglietto da visita di questa città. Occorre impegno e supporto”.

“Grazie a quest’amministrazione - gli ha fatto eco Domenico Metelli - perchè per la prima volta nella storia della Quintana ha dedicato un assessore alla nostra manifestazione e nel suo operato confidiamo molto. Questa nuova giunta ha dimostrato di essere molto propositiva e le spetterà il compito di fare la differenza. Insieme disegneremo la Quintana del terzo millennio”.

Un ultimo passaggio, poi, all’appuntamento del 6 ottobre prossimo, quando il Campo de li Giochi farà da sfondo alla Quintana della solidarietà. “Nel 1997 la nostra città è stata martoriata e siamo stati aiutati. Oggi - ha concluso il presidente Metelli - tocca a noi fare dieci volte di più quello che abbiamo ricevuto”. 

Ora l'attenzione del popolo della Quintana è tutto concentrato sulla Rivincita di oggi pomeriggio. Alle 15 il "Campo de li Giochi" ospiterà la sfida tra i binomi dei dieci rioni. Tutti a caccia di Pierluigi Chicchini, il Moro del Pugilli che a giugno conquistò il drappo della Sfida.

Intanto i riflettori sono tutti puntati su quello che accadrà questo pomeriggio, domenica 15 settembre, al Campo de li Giochi, quando i dieci binomi scenderanno in pista per darsi battaglia a suon di anelli. L’appuntamento è alle 15, quando prenderà il via la Giostra della Rivincita. “Qual de’ Rioni appagherà il desio di tòr di mano al Cavalier di Pugilli il lauro cinto in ultima tenzone”? Seguite la diretta testuale sul nostro sito e sulla nostra pagina Facebook. 

Ordine di ingresso al campo:

Spada

Crocebianca 

Contrastanga

Pugilli

Ammanniti

Morlupo

Badia

Giotti

Cassero

La Mora  

 

 

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento