Dalle discoteche all'amore verso Dio: a Foligno la testimonianza di suor Anna Nobili

In occasione della Veglia dei Giovani in programma per il patrono San Feliciano, la suora milanese e i ragazzi della scuola "Holy Dance" si racconteranno in Cattedrale

Suor Anna Nobili prima e dopo la conversione

La testimonianza di conversione di suor Anna Nobili arriva a Foligno. A portarla sarà lei stessa, che racconterà ai giovani della diocesi come ha trovato Dio e come la sua vita da quel giorno sia cambiata. Dalla vita notturna delle discoteche di Milano al velo, suor Anna Nobili ha trasformato il suo lavoro di cubista in una scuola di danza chiamata Holy Dance e che vede novanta allievi imparare a pregare e lodare Dio danzando. E in Cattedrale ci saranno anche loro, i ragazzi della scuola di danza. Prima del suo arrivo a Foligno, suor Anna Nobili è stata intervistata dal settimanale diocesano, la Gazzetta di Foligno. Nata a Milano nel 1970, a diciotto anni Anna scopre la passione per le discoteche e decide di fare la cubista nei locali notturni. “Era un cercare nella notte quello che di giorno non ricevevo: l'amore – afferma la suora alla Gazzetta di Foligno – credevo che quella fosse l'unica strada per me e che non ce ne fossero altre. Ho capito che mi mancava l'amore quando ho incontrato Gesù, a 22 anni. Una notte, quando avevo 23 anni – prosegue nell'intervista di Annamaria Bartolini – alla vigilia di Natale, ho sentito di dover andare alla Messa. E' iniziato tutto da lì”. L'occasione per ascoltare da vicino il suo messaggio sarà il 23 gennaio, nella veglia di preghiera dei giovani per il patrono di Foligno, San Feliciano. Alle 20.45 in piazza San Domenico verrà accolta la Croce di San Damiano e la Madonna di Loreto (simboli della Gmg che stanno attraversando l'Italia prima dell'evento di Cracovia), poi il cammino verso la Cattedrale e la testimonianza di suor Anna Nobili.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento