Elezioni, nuovo vertice del centrosinistra. “Foligno in Comune” propone Mattioli sindaco

Lunedì sera i partiti della coalizione si ritroveranno per chiudere la partita legata al nome del leader in vista del voto di maggio. Partecipate le assemblee dei movimenti di sinistre

La riunione di "Foligno in Comune"

Chi sarà il candidato sindaco del centrosinistra di Foligno alle prossime elezioni? Una domanda che potrebbe trovare una risposta nella serata di oggi, lunedì 11 marzo. E' infatti in programma tra qualche ora la riunione degli alleati di centrosinistra (Partito democratico, Foligno in Comune, Patto x Foligno e Foligno 2030), che si ritroveranno attorno a un tavolo per chiudere la partita legata al leader che dovrà guidare la coalizione al voto del prossimo 26 maggio. La volontà da parte di tutti è quella di trovare la convergenza su un nome che possa rispecchiare le varie anime della coalizione, anche se al momento non sembra essere così. Già, perché il nome del notaio Luigi Napolitano (in quota Pd) non convince tutti, a partire da “Foligno in Comune”: “Abbiamo già espresso delle sincere ed utili perplessità su alcune delle proposte emerse – scrivono dal movimento dei partiti di sinistra – che non rispondono alla necessità di coinvolgere una significativa parte dell'elettorato democratico della città ad oggi delusa ed in cerca di nuova rappresentanza”. Il nome del professionista non viene mai citato nella nota, anche se il riferimento a Napolitano da parte di “Foligno in Comune” è evidente. E' per questo motivo che il raggruppamento delle sinistre domenica mattina ha proposto alla coalizione il suo candidato. Il nome è emerso nel corso dell'assemblea pubblica che ha visto la partecipazione di diverse persone è quello di Diego Mattioli, un professionista che da tempo si occupa di progettazione e gestione di progetti europei su ambiente, sviluppo sostenibile, bioeconomia e lotta al cambiamento climatico, supportando la progettualità di amministrazioni regionali e ministeri. Da parte di “Foligno in Comune” è arrivata anche la disponibilità a prendere in considerazione le candidature avanzate da altri soggetti, “affinché – si legge in una nota - si sforzino anch'esse di interpretare il tempo presente e aprire una nuova pagina della vita politica cittadina”. Sabato mattina è toccato invece all'Ost (Open space technology), ovvero l'incontro organizzato da Foligno 2030, dove ognuno ha potuto dire la sua idea di città. Circa 250 le persone intervenute, 9 ore di lavoro e 21 tavoli tematici che hanno fruttato oltre 100 proposte. Tornado alla riunione di coalizione di questa sera, l'obiettivo è chiudere subito la partita e dare la possibilità alle varie forze di centrosinistra di discutere della scelta presa all'interno di ogni singola realtà. Mercoledì ad esempio è in programma l'assemblea degli iscritti del Partito democratico. Da Napolitano a Mattioli, passando per Joseph Flagiello, non è detto che non venga fatto un nuovo nome.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento