Foligno, anche i mondi dello spettacolo e dello sport si mobilitano per Deborah

Diversi i messaggi di vicinanza e di sostegno inviati da comici, cantanti e atleti alla mamma di Sant’Eraclio, mentre prendono il via le prime iniziative di beneficenza

Deborah Bonucci

Da Massimo Boldi a Maurizio Mattioli, da Francesco Renga ad Andrea Paris, passando per i giocatori della Sir, Filippo Lanza e Massimo Colaci, e fino ad arrivare all’ex pallavolista Jack Sintini. Il mondo dello spettacolo e quello dello sport si mobilitano per Deborah Bonucci, la mamma di Sant’Eraclio che da più di un anno combatte contr la malattia. Una battaglia che ad oggi vede come unica speranza di vittoria Israele.

Già, perché le varie cure a cui si è sottoposta fino ad ora la 42enne folignate non hanno dato l’esito sperato. La malattia - un cancro partito dal seno, ma con diverse metastasi che hanno raggiunto i polmoni - è ancora lì e l’unica possibilità di sconfiggerlo, al momento, sembra arrivare da Tel Aviv. Lì, infatti, Deborah potrebbe sottoporsi a delle cure innovative. Cure che però - come accaduto recentemente anche ad un’altra donna, la montefalchese Pamela Angelelli - hanno costi difficilmente sostenibili.

Ed è stato proprio da questa esigenza, ossia quella di raccogliere i soldi necessari a volare in Israele per le cure, che sul web si è scatenata una vera e propria gara di solidarietà. In meno di 24 ore dall’avvio della campagna di raccolta fondi, avviata lo scorso sabato, erano già stati superati i 5mila euro grazie a circa 170 donatori. Cifra che è andata crescendo con il passare delle ore e dei giorni. Ad oggi, dunque, sono stati oltrepassati i 14mila euro con più di 300 sottoscrizioni.

E accanto ai tantissimi messaggi lasciati dai donatori sulla piattaforma Go Fund Me e a quelli di amici e parenti sui social, non sono mancati - come detto - parole di vicinanza dal mondo dello spettacolo e dello sport, attraverso grandi nomi del panorama italiano. Voci di incoraggiamento rivolte a Deborah affinché affronti questa battaglia da guerriera, ma anche al popolo della rete perché contribuisca alla causa. La cifra da raggiungere, infatti, ammonta a 500mila euro.

Una raccolta fondi, quella partita solo pochi giorni fa, che sta vedendo scendere in campo non solo singoli ma anche gruppi di persone. È così che stanno prendendo vita diverse iniziative il cui ricavato verrà appunto devoluto a Deborah: dalla cena di beneficenza organizzata nella sua Sant’Eraclio nei locali del centro giovani al torneo di burraco a coppie al circolo di Borgo Trevi, dal veglione di Natale dell'Atletica Winner fino ad arrivare alla “Fiottombola”, l’originale tombolata promossa dal gruppo Facebook “Foligno che fiotta”.

Link per le donazioni: https://www.gofundme.com/f/tutti-insieme-per-deborah

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento