Foligno, il commissario Errani dà il via libera alla ricostruzione della “Carducci”

La scuola media è stata inserita nel programma straordinario per la realizzazione di 25 nuovi edifici in vista del prossimo anno scolastico

La scuola "Carducci" di Foligno

La scuola media “Carducci” di Foligno è stata inserita nel programma straordinario del Governo per la ricostruzione di 25 scuole nel Centro Italia. L'ordinanza, che porta la firma del commissario per la ricostruzione Vasco Errani, prevede il rifacimento degli edifici entro il prossimo anno scolastico 2017/2018. Oltre che la “Carducci” di Foligno, in Umbria nuovi plessi a Spoleto, Perugia e Giano dell'Umbria. Per la città Ducale, il commissario straordinario ha inserito la media “Dante Alighieri” e la materna “San Carlo-Prato Fiorito”. Il programma per la riapertura delle scuole in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria prevede che gli oneri economici siano coperti con le risorse del Fondo per la ricostruzione delle aree terremotate (articolo 4 del decreto legge 189 del 2016). Con un'apposita ordinanza emessa successivamente all'approvazione dei progetti esecutivi, si provvederà all'esatta quantificazione degli oneri economici per l'attuazione degli interventi. In soldoni, a provvedere alla spesa anche per il rifacimento della “Carducci” non sarà il Comune di Foligno, bensì il Governo. Il via libera per la demolizione della scuola media folignate è arrivato dalla Soprintendenza che, attraverso la “manifestazione di interesse”, ha dato il via libera al rifacimento della parte vecchia della “Carducci”, che si integrerà dunque con la parte già agibile e la palestra. Intanto, per quanto riguarda la chiusura delle scuole dopo gli eventi sismici di mercoledì 18 gennaio, il Comune di Foligno ha comunicato che le lezioni non riprenderanno nemmeno venerdì 20 e sabato 21 gennaio. Proprio sabato verrà deciso se la chiusura verrà o meno prolungata. Il tutto per permettere ai tecnici di effettuare dei nuovi controlli. Sopralluoghi avviati sia nella città della Quintana che a Spoleto. Sulle strutture comunali spoletine, i controlli inizieranno venerdì mattina e termineranno al massimo entro sabato. “Nel caso in cui dovessero venir riscontrate situazioni di nuove criticità – spiegano dal Comune di Spoleto - verranno immediatamente richiesti i sopralluoghi con squadre composte dai tecnici Aedes e verranno predisposte le ordinanze necessarie”. Mercoledì sera sono stati tredici gli studenti dell’Istituto Alberghiero che, non potendo trascorrere la notte nei convitti di via San Carlo e di San Paolo, sono stati ospitati all’Hotel dei Duchi. Sono state invece 62 le persone ospitate nell’area di accoglienza allestita nella serata di ieri all’interno del Palatenda che, per questa notte, potranno trovare sistemazione nelle strutture alberghiere della città, facendone richiesta al Centro Operativo Comunale (Coc) così come indicato dalla Protezione Civile Regionale.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento