Foligno, niente botti per Capodanno: il sindaco firma l’ordinanza

Fuochi d’artificio vietati dalle 20 di giovedì 31 dicembre e per tutta la notte. “In piena emergenza Covid-19 non possiamo gravare sul lavoro dei sanitari"

Fuochi d'artificio

A Foligno niente botti per Capodanno. Lo stabilisce l’ordinanza firmata dal sindaco Stefano Zuccarini che vieta l’utilizzo di giochi pirotecnici in concomitanza con l’ultima notte del 2020. Il divieto scatterà alle 20 di giovedì 31 dicembre e si protrarrà per tutta la notte fino alle 7 di domani, venerdì primo gennaio. No, quindi, a fuochi d'artificio, razzi e petardi, ma anche ad aerostati con fiamme o altri fuochi pirotecnici e prodotti simili anche nei casi in cui ne sia consentita la vendita. L’inosservanza delle disposizioni, si legge nell’ordinanza, può comportare un illecito penale e amministrativo e relative sanzioni che potranno andare da un minimo di 80 ad un massimo di 500 euro.

“Siamo in piena emergenza sanitaria epidemiologica da Covid-19 - ha commentato al riguardo il primo cittadino folignate - ed è ancor più necessario evitare afflussi alle strutture sanitarie legati a traumi o lesioni dovuti all’uso imprudente e scorretto di fuochi d’artificio e petardi, che andrebbero a gravare - ha proseguito - sul lavoro del personale medico e paramedico già impegnato nella lotta alla pandemia”. Da non sottovalutare, poi, secondo quanto ricordato da Stefano Zuccarini, “gli effetti traumatici indotti dal rumore sugli animali, non solo di affezione, e non solo nelle vicinanze di strutture quali canili e gattili ma su tutto il territorio del Comune”. “Mi appello al senso di responsabilità di tutti i cittadini - ha quindi concluso il sindaco di Foligno - e li invito al rispetto del lavoro dei sanitari, delle forze dell'ordine e della salute degli animali”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento