Foligno, sindacati e Asl a confronto sulla sanità

Fratini: “Situazione positiva, ma dobbiamo fare sempre attenzione alle criticità ed affrontarle per vincere le sfide future”

L'assemblea pubblica promossa dai sindacati

Si è discusso di sanità martedì 5 maggio a Foligno. La sala Alesini del San Giovanni Battista ha infatti ospitato l'assemblea pubblica, dal titolo "La sanità nel territorio", promossa dalle sigle sindacali di Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil ed alla quale hanno partecipato anche i vertici dell'Ausl Umbria 2 a cominciare dal direttore generale, Sandro Fratini. Sul tavolo il passato, il presente ed il futuro di un comparto – quello sanitario – che deve fare sempre più spesso i conti con le esigenze dei pazienti da un lato e la riduzione di risorse dall'altro. Al centro dell'attenzione questioni come le liste d'attesa, gli ingressi al pronto soccorso ed ancora l'organizzazione dei servizi territoriali ed il fondo per la non autosufficienza. Fronti critici su cui i sindacati hanno chiesto l'intervento concreto dell'azienda sanitaria locale per rispondere in maniera corretta e puntuale alle richieste dei cittadini. Fronti su cui l'Ausl Umbria 2 – come dichiarato dal direttore Fratini – “sta già lavorando e sui quali continuerà a lavorare per affrontare al meglio anche le sfide future”. “La situazione è positiva – ha detto intervenendo ai microfoni di Radio Gente Umbra – sia per quanto riguarda la nostra Usl sia a livello regionale, ma non possiamo non guardare alle criticità che dovremo affrontare nel futuro. Criticità relative soprattutto ad investimenti per quanto riguarda alcune innovazioni che stanno emergendo nel settore sanitario e che sono oggettivamente importanti ed indispensabili”. Per il direttore Fratini quindi il sistema sanitario umbro, e nello specifico quello del Folignate, partono da una posizione avvantaggiata. “In questi mesi abbiamo affrontato la questione delle liste di attesa – ha sottolineato – riuscendo in qualche modo a contenere il malumore che si era creato tra i cittadini. Non dobbiamo però fermarci – ha quindi ribadito – ma guardare sempre avanti e cercare di individuare i problemi ed affrontarli in maniera corretta. Non avendo finanziamenti aggiuntivi – ha concluso Sandro Fratini – dovremo cercare di capire come recuperare quelle risorse che sono indispensabili per andare avanti. E per fare ciò dovremo sicuramente continuare a lavorare per ridurre gli sprechi”. E ad intervenire nel corso dell'assemblea è stato anche il primo cittadino folignate, Nando Mismetti, per il quale è necessario che i Comuni recuperino il ruolo chiave svolto in passato in tema di sanità. Ma non solo. Durante il suo intervento il primo cittadino ha anche avanzato la proposta di un patto locale tra Enti locali e aziende sanitarie volto alla riorganizzazione dei servizi, riorganizzazione capace di dare ai cittadini le risposte attese.  

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento