Muccia, la generosità di un folignate regala un sorriso agli studenti terremotati

Gianluca Carnevali domenica pomeriggio ha consegnato tanto materiale scolastico raccolto negli ultimi giorni. Quella che doveva essere una personale donazione si è estesa a tante realtà

Gianluca Carnevali con i piccoli studenti di Muccia

Tornare alla normalità. Anche sui banchi di scuola. E' questo lo spirito che ha animato Gianluca Carnevali, un cittadino di Foligno che ha deciso di avviare una raccolta di materiale scolastico in favore dei bambini terremotati del Comune di Muccia, in provincia di Macerata. Dopo aver preso accordi con le maestre Maria Cipriani e Beatrice Paganelli, Gianluca pensava di poter portare privatamente il materiale con un autonomo gesto di solidarietà. La cosa però gli è “sfuggita di mano” e con un semplice passaparola la raccolta si è allargata. A sostenere le sue intenzioni anche la Quintanella di Scafali, il rione Fornovecchio di Scafali, i Pulcini 2006 della C4 ed alcuni suoi amici di una scuola elementare di Varese che ha inviato due scatoloni di materiale. Con loro anche il gruppo dopo-cresima della parrocchia di Borroni-Sterpete. Domenica 13 novembre il viaggio a Muccia e la successiva consegna. Gianluca Carnevali è stato accolto dai bambini e dalle due maestre del plesso scolastico. “Tutti i bimbi abbracciano e ringraziano ogni persona che ha contribuito a raccogliere il materiale consegnato – ha scritto poi Gianluca su Facebook – personalmente non ho parole per descrivere le forti emozioni che ci hanno accompagnato in questa settimana”. Prossimo obiettivo, avviare una raccolta fondi per poi acquistare nuovo materiale mirato di cui avranno bisogno i piccoli studenti di Muccia. IL MATERIALE – Diverso il materiale raccolto da Gianluca Carnevali, eccolo nel dettaglio: 363 quaderni, 46 astucci, una risma di carta, 2 raccoglitori ad anelli, 38 colori pastello, 81 colori a inchiostro, 178 matite, 161 penne, 46 gomme, 7 scotch, 27 colle, 10 temperamatite, 4 bianchetti, 5 forbici, 8 righelli.

Logo rgu.jpg

di Giusy Ribaudo

Aggiungi un commento