Ospedale di Foligno, nuove sinergie con Spoleto e Terni e interazione con l’Università

Lo scorso sabato il direttore generale Massimo De Fino ha visitato il San Giovanni Battista, illustrando le prospettive di sviluppo aziendali e ospedaliere

Il direttore De Fino in visita all'ospedale di Foligno

L’occasione è stata data dalla visita per gli auguri pasquali che il direttore generale dell’Usl Umbria 2, Massimo De Fino, ha fatto nella mattinata di sabato all’ospedale di Foligno. La tappa al San Giovanni Battisti per incontrare il personale sanitario ha, infatti, rappresentato anche un momento per fare il punto della situazione sulla struttura cittadina e sui progetti futuri. Non prima, però, di ringraziare tutti gli operatori, dai medici agli infermieri, dagli operatori sociosanitari ai tecnici sanitari, dal personale amministrativo a quello tecnico, per il lavoro di squadra garantito. Incontrando una rappresentanza di professionisti, De Fino, ne ha infatti riconosciuto ed evidenziato il grande spirito di abnegazione del personale, in una fase ancora delicata a causa dell'impatto del Covid-19 nelle attività del nosocomio. 

Ma, come detto, la visita della scorso sabato è stata anche l’occasione per illustrare alcuni elementi programmatici. Su questo fronte, dunque, il direttore generale dell’Usl Umbria 2 ha parlato delle prospettive di sviluppo aziendali ed ospedaliere. Due le parole chiave utilizzate dal manager: innovazione e integrazione. Riferendosi, in quest’ultimo caso, al progetto di collaborazione e sinergia che vede in prima linea l’ospedale di Foligno e il vicino San Matteo degli Infermi di Spoleto. Integrazione con l’ospedale della città ducale, dunque, ma anche interazione con l’Università degli Studi di Perugia. Un’interazione che Massimo De Fino ha apostrofato come “molto importante e proficua, per il potenziamento della rete ospedaliera aziendale e la qualificazione della risposta assistenziale all’utenza, attraverso il supporto fornito nei reparti dagli specializzandi”. Infine, la collaborazione con  l'Azienda Ospedaliera "Santa Maria" di Terni, per “un ulteriore salto di qualità” che coinvolgerà tanto l’ospedale di Foligno, quanto quello di Spoleto. “Si lavorerà anche su questo” ha, infatti, annunciato il direttore generale dell’Usl Umbria 2 nella sua visita al San Giovanni Battista avvenuta alla vigilia di Pasqua.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento