"Paiper Foligno 2015", un evento a ritmo di twist

A giugno tre serate a tema anni '60 e '70 in tre zone della città, per rivivere gli intramontabili anni della "Dolce vita"

Bastia e Amoni al termine della conferenza stampa di "Paiper 2015"

"Siamo carichi ed emozionati per questo evento che coinvolgerà tutta la città, creando una manifestazione popolare e non parziale, interessando i cittadini di tutte le età”. Sono queste le parole di Carlo Delicati, direttore artistico di “Paiper Foligno 2015, i figli delle stelle”. La manifestazione, che animerà la città dal 19 al 21 giugno grazie alla collaborazione del Comune e della Confcommercio, sarà un vero e proprio tuffo nel passato a ritmo di twist e del ballo del mattone. La musica, i cibi e le ambientazioni degli anni '60 e '70 rivivranno da piazza della Repubblica, con il mercatino vintage, a piazza Matteotti, con stand gastronomici e raduni di auto e moto d'epoca messe a disposizione da molteplici appassionati. Tre le aree dedicate a ad altrettanti periodi musicali, per ripercorrere l'evoluzione che dal rock and roll ha portato alla disco music e alla dance. La prima, la “Love area” di largo Carducci, sarà interamente dedicata alla musica italiana anni '60 che, a partire dalle 18, vedrà come protagonisti dj storici, tra i quali l'umbro Lucio Camacho ospite venerdì 19, l'angolo juke box di Radio Gente Umbra e la partecipazione del famoso cantante Bobby Solo sabato 20. Sempre sabato, inoltre, è in programma una cena a tema dove parrucche e colori saranno d'obbligo “rispolverando vecchi oggetti dalla cantina”, come sottolineano gli organizzatori. La “54 Avenue” di piazza Don Minzoni, invece, sarà interamente dedicata alle atmosfere anni '70, con musica dal vivo e dj-set di prestigio, tra cui dj Mozart della “Baia degli Angeli” e dj Sauro Cosimetti, storico artista dell'attuale “Red Zone”. Infine, largo Frezzi, con la sua “Odissea area”, ospiterà l'evoluzione musicale che dal ballo del mattone ha portato alla sempreverde dance dei primi anni '80. “Siamo pronti a dare alla città un evento dall'ospitalità totale – dichiara Fabrizio Bastida, presidente di Confcommercio di Foligno - coinvolgendo tutte le generazioni e collaborando con gli esercizi commerciali della città, dando vita ad una manifestazione alternativa rispetto a quelle già esistenti, come la Quintana”. Aldo Amoni, presidente della Confcommercio regionale, ha aggiunto: “Mi ricordo che ballavo il twist sulle note di Celentano. Sono sicuro che questo festival, alla sua data zero, riuscirà, tornando l'anno prossimo con due week-end di animazione”. Il “Paiper” festival (volutamente scritto con la “A” per motivi di copyright del famoso locale romano, da cui ha tratto origine e ispirazione), ricreeranno le atmosfere di un passato non molto lontano, dando a Foligno la sua “Dolce vita”. 

Logo rgu.jpg

di Federica Lorusso

Commenti

e il nome del dj Claudio Casalini che sosterrà musicalmente la serata anni 60 di venerdi' dov'è in questo bellissimo articolo ?

Aggiungi un commento