Sbarra (Cisl): “Vogliamo leggi che riducano il divario di opportunità tra uomini e donne”

Se n’è parlato a Foligno nell’ambito dell’incontro “Effetto D”: a prendere la parola avvocatesse, dottoresse e dipendenti che ce l’hanno fatta

L'incontro "Effetto D" promosso dalla Cisl di Foligno

Storie di donne che ce l’hanno fatta. Storie di donne che sono riuscite a realizzarsi professionalmente, nonostante le tante difficoltà che ancora oggi si riscontrano, anche e soprattutto in un Paese come l’Italia. Dove, secondo quanto riportato dalla coordinatrice regionale donne della Cisl Umbria, Sara Claudiani, le donne guadagnano il 30 per cento in meno degli uomini e dove l’occupazione femminile è nettamente più bassa di quel 60 per cento raggiunto in media in Europa. È stato questo il tema al centro dell’incontro promosso nella giornata di giovedì 14 marzo, a Foligno, dalla Cisl.

Dal titolo “Effetto D: storie di successo al femminile nel mondo del lavoro”, l’evento ha avuto come obiettivo proprio quello di accendere i riflettori sulla condizione delle donne lavoratrici, dando voce alle donne appunto. A cominciare dal segretario regionale Cisl Umbria Francesca Rossi, alla quale si sono affiancate - oltre alla già citata Sara Claudiani - Francesca Di Felice responsabile coordinamento donne Fit Cisl, Romina Pitoni, avvocato Foro di Terni, Vanessa Virgili, delegata sindacale e dipendente Asm,  Cristina Cenci, dottoressa dell’ospedale di Foligno, e Monica Paparelli, consigliera di parità della Regione Umbria.

Al centro, come detto, la donna, ma soprattutto il concetto di “persona” che - come sottolineato da Sara Claudiani  - “nelle sue declinazioni di genere, deve trovare realizzazione e spazi nella società e nel lavoro che vadano oltre le discriminazioni di genere e le decisioni familiari assunte”.

“L’iniziativa di oggi - gli ha fatto eco il segretario regionale Cisl Umbria, Ulderico Sbarra - è servita per dare visibilità a storie di successo al femminile, di chi è riuscito ad andare oltre a ricatti e ostacoli più o meno palesi che la società frappone tra le donne e la propria realizzazione”. Per il sindacalista, però, c’è ancora molto da fare per superare il divario di opportunità tra uomini e donne. “Ci vuole un cambio culturale – ha spiegato -, ma non solo: dobbiamo guidare il cambiamento - ha quindi sottolineato l’esponente Cisl - affinché ci siano riforme legislative che agevolino questo processo”.

Fondamentale anche il ruolo del sindacato. “Su questo fronte - ha concluso Sbarra - dobbiamo continuare ad impegnarci sulla contrattazione a tutti i livelli e sulla realizzazione di una rete di servizi più efficiente”. Senza dimenticare la formazione e le politiche del lavoro, che il segretario umbro della Cisl ha apostrofato come “strumenti centrali per il raggiungimento di una parità effettiva tra i due generi, dove ad essere rispettata sia la persona in quanto tale”.  

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento