Scuola dei cavalieri, i dieci fantini sul banco di prova

L'appuntamento con il saggio di fine anno è in programma per domenica 5, alle 15, al campo prove dell'aeroporto di Foligno

L'Ente Giostra in occasione della presentazione della Scuola dei cavalieri

Dieci giovani cavalieri pronti a far vedere di che pasta sono fatti. Dieci giovani cavalieri che daranno prova di quanto imparato in questi mesi di lezione. È tutto pronto a Foligno, infatti, per il saggio di fine anno che vedrà protagonisti i giovani allievi della Scuola dei cavalieri di Giostra, i fantini del futuro. L'appuntamento è per domenica 5, alle 15, al campo prove dell'aeroporto dove sono state montate anche delle tribunette per accogliere il pubblico. Divisi in due gruppi da cinque, in base al livello di preparazione, effettueranno due tornate con anelli di 8 centimetri di diametro. Non si tratterà però di una competizione. Come spiegato dall'Ente Giostra, infatti, sarà piuttosto un saggio dimostrativo e quindi non verrà rilevato il tempo, né saranno calcolate eventuali penalità. A coordinare l’evento sarà l’istruttore federale, Umberto Colavita, preparatore dei ragazzi insieme a Fabio Cruciani, cavaliere plurivittorioso. A raccontare al pubblico presente le fasi dell'evento sarà, invece, il magistrato Mauro Silvestri, voce ufficiale delle Giostre folignati, che si avvarrà del commento tecnico di un grande cavaliere, il Furente di Contrastanga, Luca Innocenzi. Protagonisti in campo: Stefano Antonelli, Nicola Bartolomei, Andrea Bibi, Damiano Biondini, Lorenzo Finestra, Tommaso Finestra, Roberto Lolli, Tommaso Righi, Matteo Santi e Mattia Zannori. A tutti loro, a fine esibizione, verrà consegnato un attestato di partecipazione. L’anno didattico, 9 mesi di lezioni a partire dal primo marzo 2014, proseguirà alla Scuola ippica di Foligno, in località La Chiona, fino alla fine di novembre come previsto dalla convenzione stipulata dall’Ente Giostra con l’istruttore Umberto Colavita. La Scuola dei cavalieri di Giostra è stata fortemente voluta dal Comitato centrale e coordinata dal segretario generale dell’Ente Alfredo Doni insieme al presidente della Commissione tecnica Arnaldo Radi, ai magistrati Lucio Cacace e Marco Cardinali e al tecnico Fabio Cruciani. Alfredo Doni, responsabile del progetto, ha sottolineato l’importanza di questa iniziativa che qualifica il lavoro dell’Ente e che pone la Giostra ancora una volta all’avanguardia nel panorama delle rievocazioni storiche.  

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento