Spello, il 2015 si apre bene per l'Avis

Aumentano gli iscritti, donazioni ok. Il presidente Cappelletti: “Segnali positivi, ma c'è ancora molto da fare”

La sede dell'Avis di Spello

E' un bilancio positivo quello che traccia l'Avis di Spello per questo primo trimestre del 2015. Da gennaio ad oggi, infatti, sono già 78 le donazioni effettuate dai soci, tre delle quali hanno visto in prima linea i nuovi iscritti. Numeri importanti, che si vanno a sommare alla scia di risultati positivi raggiunti in questi ultimi anni dall'associazione spellana, che conta oggi su 250 donatori. I dati dicono infatti che il 2014 si è chiuso con un segno più: aumentato del 3,34 per cento il numero dei soci rispetto al 2013, mentre in termini di donazioni si è passati da 322 a 341, pari al 5,59 per cento in più. “Nonostante questi piccoli segnali positivi – dichiara però il presidente dell'Avis di Spello, Stefano Cappelleti - c’è ancora molto da fare”. L'obiettivo è quindi quello di favorire ulteriormente l'incremento dei donatori, puntando soprattutto sulle nuove generazioni “Stiamo lavorando – spiega Cappelletti – per coinvolgere un numero sempre maggiore di giovani, facendogli capire quanto sia importante fare questa esperienza e, soprattutto, condurre una vita sana fin da ragazzi”. E a congratularsi per l'attività svolta dall'Avis della Splendidissima Colonia Julia è anche l'assessore comunale alle politiche sociali, Chiara Zuccari, che dichiara: "Il buon risultato raggiunto non può che renderci orgogliosi. Certi risultati – aggiunge - non arrivano a caso, né da soli. Il merito è tutto da riconoscere alla straordinaria e costante attività svolta da Stefano Cappelletti e dai volontari. Realtà come questa – conclude l'assessore Zuccari - sono imprescindibili e vanno sostenute e incentivate perché danno anche la misura del senso di comunità, sempre molto forte e identitario per ogni spellano".

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento