Spello, un 2018 da protagonista: a marzo l'inaugurazione della Villa Romana

A primavera diversi appuntamenti da non perdere: il 25 aprile verrà riconsegnata la centralissima piazza della Repubblica

Il ministro Dario Franceschini visita la villa romana di Spello (foto Alessio Vissani)

Spello si prepara a vivere un 2018 da protagonista. Nemmeno il tempo di iniziare, che l'anno nuovo è già pronto per portare con sé tantissime novità per la città delle Infiorate. La primavera sarà la stagione decisamente più intensa, con due inaugurazioni attesissime. La prima è quella che interessa la Villa Romana di Sant'Anna. Una struttura di epoca romana, il cui rinvenimento risale oramai al 2005 e per la quale negli ultimi anni il Mibact ha concesso un milione di euro. La villa, di età tardo-imperiale, presenta una pavimentazione in mosaico policromo che la rende tra le più importanti scoperte in Italia risalenti a quell'epoca. Ad annunciare la data d'inaugurazione della struttura che renderà fruibile Sant'Anna è il sindaco di Spello, Morendo Landrini, intervenuto negli scorsi giorni ai microfoni di Radio Gente Umbra: “Si tratta di una delle ville romane con i pavimenti a mosaico tra i più belli d'Italia, paragonabile a Piazza Armerina – afferma il primo cittadino -. Sant'Anna diventerà un punto di attrazione centrale per Spello e per l'Umbria, grazie anche al contributo concesso dal ministro Franceschini che ha inserito la nostra villa romana tra le risorse concesse dal Ministero, al pari di Colosseo e Uffizzi”. Tra pochi mesi l'apertura: “La bellissima struttura verrà consegnata alla città e ai turisti il 24 marzo. Una felice concomitanza con le Giornate di primavera del Fai – spiega Landrini -. Casualità ha voluto che consegneremo proprio in quei giorni un nuovo gioiello per Spello e per Umbria”. Ma le sorprese primaverili non si fermano qui: “Stiamo completando i lavori in piazza della Repubblica, che sarà inaugurata nella sua nuova veste il 25 di aprile. In quell'occasione – sottolinea il sindaco di Spello – la zona sarà nel suo massimo splendore. In questo periodo la piazza si arricchirà di alberature, panchine, opere d'arte e illuminazioni particolari”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento