Trevi, il parcheggio di Piaggia è realtà

L'area rappresenta il primo passo per la riqualificazione urbana di quella zona, che prevedrà anche la riqualificazione dell'edificio ex Sdei con alloggi a canone concordato

L'inaugurazione del parcheggio a Piaggia

"L'inaugurazione del parcheggio realizzato a Piaggia rappresenta l'inizio di una importante opera di riqualificazione urbana che la Regione dell'Umbria, in piena collaborazione con il Comune, ha finanziato a Trevi". Molto soddisfatto, l'assessore regionale ai lavori pubblici Giuseppe Chianella ha commentato così l'apertura dell'area di sosta per auto che ha visitato lunedì 24 aprile, nel corso di un sopralluogo compiuto insieme a sindaco e vicesindaco di Trevi, Bernardino Sperandio e Paolo Pallucchi ed presidente dell'Agenzia Forestale regionale dell'Umbria, Giuliano Nalli. Il parcheggio a Piaggia rientra nel Programma di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile che sarà realizzato nel Comune di Trevi e che prevede anche il recupero dell'edificio ex Sdei, dove saranno realizzati 5 alloggi da assegnare in locazione a canone concordato ridotto, un area di sosta per 10 posti auto e verde pubblico, la riqualificazione del verde pubblico attrezzato nella zona di Campo del Priore, la ristrutturazione di una porzione di fabbricato a destinazione polisportiva ed il recupero di un edificio di proprietà comunale per la realizzazione, a carico di privati, di alloggi a canone agevolato. "Tutto il programma – ha sottolineato l'assessore – comporta una spesa di quasi 1 milione e 700mila euro che saranno finanziati per 850.000 euro dalla Regione, mentre 670mila euro saranno a carico del Comune e circa 173.000 a carico dei privati. E' questa un'ulteriore dimostrazione del buon funzionamento di questo tipo di programmi – ha concluso Chianella – che ci consentono di dare impulso alla riqualificazione dei nostri territori anche attraverso le risorse che il Governo mette a disposizione e che, con la giusta capacità progettuale, l'Umbria riesce ad attrarre".

 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento