“L'Umbria si rimette in moto” e Bevagna apre eccezionalmente il Circuito dei mestieri medievali

Nel prossimo fine settiamana bikers e turisti potranno visitare le botteghe per tornare in dietro nel tempo. Organizzato anche un trekking urbano

I mestieri delle Gaite (foto Alessio Vissani)

Anche Bevagna apre le sue porte alle due ruote per rilanciare il turismo in regione dopo la crisi sismica degli scorsi mesi. E' così che i biker che percorreranno il Cuore verde d'Italia avranno un motivo in più per fermarsi nel borgo medievale. Già, perché in occasione dell'evento “L'Umbria si rimette in moto”, il Mercato delle Gaite effettuerà una straordinaria apertura primaverile per quanto riguarda il Circuito dei Mestieri medievali. L'appuntamento è per il 24, 25 e 26 marzo. La cartiera, la cereria, il conio delle monete ed il setificio: sono queste le quattro botteghe dove sarà possibile effettuare un viaggio a ritroso nella storia. Luoghi affascinanti, carichi di atmosfere perdute, dove prendono vita un foglio di carta bambagina ricavata dagli stracci, o un duplero, candela “doppia”, usata dai nobili e dalla chiesa; dove tornano a vivere antiche monete di rame o dove il torcitoio della seta veniva mosso instancabilmente da donne esperte. Oltre al Circuito delle botteghe, l'associazione Mercato delle Gaite proporrà anche ai turisti il trekking urbano “Di arte in arte”: un modo nuovo, diverso e agile per accostarsi alla città medievale, passando da un vicolo a una piazza, da un simbolo a un’immagine, da una cripta a un chiostro. Insomma, una passeggiata alla ricerca dei dettagli e di antiche storie. Per quanto riguarda le botteghe medievali, venerdì 24 marzo è prevista l'apertura dalle 15 alle 17.30. Stesso orario anche per i pomeriggi di sabato 25 e domenica 26, anche se in questi due giorni sarà possibile visitare il Circuito anche dalle 10.30 alle 12.30 del mattino.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento