Vus, oltre 2000 studenti a gara di raccolta differenziata

A vincere i premi di "#Socialambiente" due scuole di Foligno ed una di Spoleto. Gli studenti hanno valutato anche i servizi dell'azienda

Differenziata porta a porta

Un progetto che mira al rispetto dell'ambiente e all'educazione delle nuove generazioni. La Valle Umbra Servizi, quest'anno, ha lanciato l'iniziativa che ha visto coinvolti oltre 2000 studenti delle scuole del territorio per sensibilizzarli sulle tematiche dell'ecologia e della raccolta differenziata. L'eco-progetto, dal nome “#Socialambiente”, ha visto i ragazzi coinvolti in due gare: la prima sulla valutazione dei servizi Vus e la seconda basata su una vera e propria gara di raccolta differenziata. In merito alla prima competizione e ai relativi servizi dell'azienda, gli alunni hanno svolto un'indagine intervistando parenti ed amici, mettendo i dati raccolti a confronto all'interno di un cartellone fatto di grafici e fotografie sul rispetto dell'ambiente e il risparmio dell'energia. Vincitori del primo concorso, gli alunni della 4^A della scuola primaria di Belfiore. Il primo premio per la gara di raccolta differenziata è andato invece alla scuola “via Piave” di Foligno, che si è impegnata nella differenziazione di oltre 3 chilogrammi di pile esauste per alunno. Secondi e terzi classificati sono stati i ragazzi della 1^B e della 2^A della scuola primaria ‘G. Sordini’ di Spoleto, raccogliendo rispettivamente 2,04 e 1,58 chilogrammi di pile ad alunno. Un impegno da parte della Vus che è proseguito anche con rappresentazioni teatrali, spettacoli, intrattenimenti e altri concorsi in chiave “social”, attraverso l'utilizzo delle nuove tecnologie e le nuove forme di comunicazione. L'iniziativa, incentrata sul tema dell'ambiente, mira ad educare i ragazzi fin dalla giovane età, ma induce anche ad un'importante riflessione su quanto sia preziosa la salvaguardia del pianeta partendo anche dai piccoli gesti. Soprattutto per le nuove generazioni, cittadini del domani.

Logo rgu.jpg

di Federica Lorusso

Aggiungi un commento