Ztl di Spoleto: arrivano i posti auto riservati a residenti e dimoranti

L'assessore Campagnani: “Provvedimento preso per andare incontro alle esigenze di chi abita in centro storico”

Stalli di sosta riservati a dimoranti

Aree di sosta riservate a residenti e dimoranti all'interno del perimetro della zona a traffico limitato di Spoleto. È quanto stabilito da un'ordinanza dirigenziale che ha destinato, a partire da sabato 11 aprile, alcuni dei posti auto presenti nella zona A della Ztl proprio alle categorie RB (residenti) e D (dimoranti). Nel dettaglio si tratta delle aree di piazza Campello (lato ex INPDAP, lato palazzo Campello, nel tratto discendente di via Saffi), via del Ponte (fino all’attività la Portella), e via SS Giovanni e Paolo. Come detto, il parcheggio in queste zone sarà riservato esclusivamente ai titolari dei permessi ed individuato attraverso strisce di colore giallo per dimoranti e bianche per i residenti. La riserva di sosta prevede, inoltre, l'esposizione dell'abbonamento per la sosta di superficie in corso di validità. “Si tratta di una misura – ha spiegato l’assessore alla viabilità Vincenza Campagnani – che abbiamo preso per andare incontro alle esigenze dei residenti e dei dimoranti del centro storico, al fine di facilitarne la possibilità di parcheggio. Spoleto – ha quindi proseguito - è una città che può contare su uno straordinario sistema di mobilità alternativa, che consente a tutti di parcheggiare e di raggiungere il centro senza fatica in pochi minuti”. Per l'assessore Campagnani il provvedimento è, tra l'altro, coerente con la zona a traffico limitato vigente nel periodo estivo “che – ha sottolineato - è più rigorosa, così da poter liberare piazze e vie dalle auto con lo scopo di migliorare la vivibilità della parte storica della città e per potenziarne l’attrattiva turistica in mesi in cui l’afflusso dei visitatori è molto più alto. L’esperienza dello scorso anno – ha quindi concluso Vincenza Campagnani - insegna come sia alto e diffuso il gradimento di turisti e visitatori per una città più a misura d’uomo”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento