Aeroporto di Foligno, pronto il restyling: "Nuovo volto entro un anno"

I lavori, per un importo di oltre un milione e mezzo di euro, partiranno in primavera. In agenda, tra le altre cose, il ripristino del piazzale sud e della struttura a forma di trimotore

La conferenza sull'aeroporto di Foligno

Un intervento da oltre un milione e mezzo di euro per dotare Foligno di un aeroporto efficiente e di nuovo fiore all’occhiello della città. Il progetto è stato presentato, mercoledì 30 dicembre, a palazzo Orfini Podestà dal sindaco Stefano Zuccarini, dal presidente del Consorzio aeroporto Foligno, Natalie Mostarda, e dal patron dell’Oma, Umberto Tonti. I lavori di restyling dell’aeroporto folignate, finanziati dall’Enac, partiranno in primavera e “daranno – parole del primo cittadino - nuovo volto al sito nell’arco di un anno”. In agenda ci sono il rifacimento del piazzale sud, la realizzazione di una piazzola sulla testata di pista sud e quella di una bretella per l’ingresso dei veicoli negli hangar. E poi ancora, si procederà al ripristino di strutture destinate ad ospitare servizi anche ricettivi e di ristorazione. Quelle, cioè, a forma di trimotore dove verrebbero ricavati spazi praticamente abbandonati. Altra nota da sottolineare, l’ottenimento della proroga fino al dicembre del 2021 e quindi il mantenimento del servizio carburante, in aggiunta a quello di antincendio boschivo. Un progetto, di fatto presentato nel 2017 e rilanciato dall’esecutivo Zuccarini, che, tra le altre cose, garantirebbe ancor più credibilità alla candidatura dell’aeroporto folignate come base logistica regionale per il servizio di elisoccorso. "L'areoporto è un punto di riferimento per noi e per la città - ha commentato Umberto Tonti - e questa azione di riqualificazione ci rende soddisfatti ed orgogliosi". Sempre Tonti ha annuciato l'acquisizione del nuovo appalto di manutenzione sugli aerei della Polizia di Stato. Il primo cittadino, infine, ha spiegato come l’infrastruttura di via Cagliari abbia già formalmente dato disponibilità non solo a ricevere gli stock di vaccini anti Covid-19, ma anche alla loro distribuzione. La questione, in questo caso, è ancora aperta.

Logo rgu.jpg

di Matteo Castellano

Aggiungi un commento