Bocconi contenenti chiodi: nuovi ritrovamenti a Sant’Eraclio

Il rinvenimento in un'area giochi dedicata ai bambini. A segnalarne la presenza una giovane folignate a passeggio con il proprio cane

Il boccone contenente dei chiodi rinvenuto in un'area giochi a Sant'Eraclio

Continuano i ritrovamenti di bocconi contenenti chiodi nella zona di Sant’Eraclio, tra via Vienna e via Londra. A denunciarlo è stata questa volta Roberta Salvati, giovane folignate che si è imbattuta nei bocconi sospetti mentre era a passeggio con il proprio cane. Il rinvenimento nell’area giochi dedicata ai bambini, tra scivoli ed altalene.

È così scattata la segnalazione su Facebook, per mettere in allerta gli altri proprietari di cani che frequentano la zona ma anche i genitori che con i propri bambini accedono ai giochi. Un fenomeno che si ripete con sempre più frequenza quello dell’abbandono di bocconi contenenti chiodi o veleno, che mettono a rischio la salute degli amici a quattro zampe.

E proprio per rispondere all’allarme lanciato da diversi cittadini nel corso degli ultimi mesi, lo scorso dicembre con un’apposita ordinanza il sindaco Zuccarini aveva dato immediata disposizione per l'apertura di un’indagine e per l’attivazione di tutte le iniziative necessarie a bonificare l’area interessata dai rinvenimenti. Anche in quel caso, la zona tra via Parigi, via Londra e via Vienna.

In quell’occasione, lo ricordiamo, i bocconi sospetti erano stati inviati all'Istituto zooprofilattico per l'Umbria e le Marche per le analisi. All’interno dello stesso documento, il primo cittadino aveva inoltre annunciato anche un’intensificazione dei controlli da parte della polizia municipale guidata dal comandante Marco Baffa per prevenire e reprimere eventuali comportamenti illeciti.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento