Controllo del vicinato, a Spello parte la fase operativa

Numerosa la partecipazione al centro Cà Rapillo per l'incontro coordinato da Comune, carabinieri e polizia locale. Il sindaco: "Così aumenta la sicurezza nel territorio"

L'auto a metano della polizia municipale di Spello

E' stato attivato a Spello il “Controllo del vicinato”. Negli scorsi giorni si è svolta la riunione operativa al centro polivalente di Cà Rapillo del progetto finalizzato a realizzare un più ampio sistema integrato di sicurezza urbana, che si unirà agli interventi di esclusiva competenza delle forze dell'ordine. L'iniziativa prevede la collaborazione attiva dei cittadini. Dopo gli incontri operativi a Limiti e Santa Luciola, anche a Cà Rapillo, numerosi sono stati i cittadini e i rappresentanti delle associazioni che hanno fornito un contributo attivo al progetto. Presenti il sindaco Moreno Landrini e la giunta municipale, per la polizia locale di Spello il comandate, Giancarlo Meniconi e l’agente Barbara Casciola, insieme al maresciallo Massimo Trementozzi della stazione dei carabinieri di Spello. Nei prossimi giorni i coordinatori dei gruppi di controllo concorderanno con i referenti delle forze dell’ordine le modalità delle prossime azioni da mettere in campo. Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Landrini, “per il forte coinvolgimento espresso dalla cittadinanza e associazioni e per la vicinanza e collaborazione delle istituzioni e forze dell’ordine coinvolte. Questa sinergia ci ha permesso, tra i primi comuni in Umbria, di concretizzare in tempi brevi l’attivazione di questo progetto che contribuisce ad aumentare la sicurezza nel territorio, mettendo in evidenza il valore sociale della comunità”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento