Coronavirus, a Foligno altri 18 positivi. Tre città tornano “Covid free”

Nella giornata di domenica aumenta il tasso di positività in Regione, ora è al 4,8%. Sul fronte ospedaliero non ci sono fortunatamente nuovi ricoveri

Somministrazione del vaccino anti Covid-19

Sono 70 i nuovi positivi in Umbria. La giornata di domenica segnala un nuovo aumento di contagiati nel Cuore verde d'Italia. Rispetto ai 79 di sabato si sono registrati 9 contagi in meno, ma lo scarso numero di guarigioni fa comunque crescere il totale di coloro attualmente alle prese con il virus. Allo stato attuale sono 883 gli attualmente positivi in regione. I nuovi guariti sono invece 24. Le buone notizie arrivano da ricoveri e decessi. Nelle ultime 24 ore nessuna nuova vittima. Stesso discorso per i ricoveri. Quelli ordinari sono ancora 39, mentre le terapie intensive sono ferme a 5.

In isolamento 46 soggetti in più, per un totale di 844. Importante anche domenica il numero degli antigenici effettuati: 8.736. In calo invece il numero dei tamponi molecolari; ne sono stati processati altri 1.447. In crescita il tasso di positività, arrivato al 4,8%.

Andando ad analizzare nel dettaglio la situazione nelle città, domenica Foligno è quella con il maggior numero di nuovi positivi. In totale sono 18, mentre i guariti sono due. Centodiciannove i folignati attualmente positivi, di cui 114 in isolamento contumaciale e 5 ricoverati. Ferentillo, Fratta Todina e San Gemini tornano invece ad essere “Covid free”. A Cannara c'è un nuovo positivo. Sette i nuovi positivi a Nocera Umbra.

Domenica somministrati altri 2.238 vaccini. In Umbria sorpassata la soglia dell'85% dei vaccinati con prima dose. Più precisamente siamo arrivati a 85,01% che, in termini assoluti, significa 686.154 persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid-19. I vaccinati con ciclo completo invece sono 664.501, ovvero l'82,35% degli umbri che rientrano all'interno delle fasce d'età che possono ricevere la somministrazione.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento