Coronavirus, in Umbria sono due i casi registrati nelle ultime 24 ore

Oltre alla moglie del 60enne risultato positivo negli scorsi giorni a Trevi, c’è anche un nuovo contagio da fuori Regione. Sale a sei il numero di ricoveri negli ospedali di Perugia e Terni

L'ambulanza

Sono due i casi di Coronavirus che si sono registrati in Umbria tra le giornate di giovedì 16 e venerdì 17 luglio. Oltre alla moglie del 60enne di Trevi risultato positivo negli scorsi giorni dopo il rientro da un viaggio all’estero, c’è infatti anche un altro contagio. Si tratta di una persona non umbra ma che si trova attualmente nel Cuore verde d’Italia.

Sale così a 17 il numero degli attualmente positivi sul territorio regionale, mentre i casi complessivi hanno toccato quota 1.454. Tra le giornate di giovedì e venerdì, inoltre, si conta anche un nuovo ricovero. Sei, dunque, i pazienti Covid attualmente ospitati nelle strutture ospedaliere umbre: due al Santa Maria della Misericordia di Perugia e quattro al Santa Maria di Terni. Nessuno dei sei pazienti si trova, però, in terapia intensiva. Stabili tutti gli altri parametri: dai 1.357 guariti ai 5 clinicamente guariti, passando per gli 80 decessi. In calo, invece, le persone in isolamento: 32 in meno nelle ultime 24 ore. Si è, infatti, passati dalle 328 di giovedì alle attuali 296. Solo 837 in più, invece, i tamponi processati nell’ultima giornata, per un totale di 110.114 prelievi effettuati da inizio emergenza.

Tracciando un bilancio dell’ultima settimana, quindi, dal 10 luglio scorso a venerdì 17 si contano altri sei contagi, quattro gli attualmente positivi in più e solo due guariti. Invariato il dato sui clinicamente guariti e sui decessi, mentre sul fronte ricoveri si è passati da quattro a sei in sette giorni, di fatto due in più. Nell’ultima settimana, infine, le persone in isolamento contumaciale sono passate da nove ad undici. Più di cinquemila, infine, i tamponi: dai 104.428 del 10 luglio si è infatti arrivati agli attuali 110.114. Nello specifico, 5.686 prelievi in più.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento