Foligno, carabiniere fuori servizio becca ladra seriale tra i corridoi dell’ospedale

La donna era riuscita a rubare 300 euro dalla borsa di una paziente in attesa di una visita. Finita ai domiciliari, le è stato applicato il braccialetto elettronico

L'ospedale San Giovanni Battista di Foligno

Fingeva di essere anche lei una paziente in attesa di essere visitata e senza farsi notare apriva le borse di coloro che le sedevano accanto per rubare tutto ciò che poteva. Fino a quando non è stata beccata. Ad accorgersi di quanto stava accadendo tra i corridoi del San Giovanni Battista di Foligno è stato un carabiniere fuori servizio, in ospedale per motivi personali. Dopo averla notata, il militare ha subito dato l’allarme alla centrale operativa della caserma folignate e si è messo a rincorrerla, riuscendo a bloccarla appena all’esterno del San Giovanni Battista dove, nel frattempo, era sopraggiunta una pattuglia. Fermata, la donna, una 34enne di Bevagna, è stata trovata in possesso di 30 euro in contanti, sottratti pochi minuti prima dalla borsa della sua vittima che attendeva il turno di visita in un ambulatorio. Dagli accertamenti è, inoltre, emerso come la giovane nella stessa mattinata avesse provato a mettere a segno altri due colpi, andati però male. In entrambi i casi, infatti, la donna era stata scoperta e subito allontanata dalle potenziali vittime. Ma non solo. Secondo quanto reso noto dai militari, la 34enne si era allontanata dalla propria abitazione nonostante fosse agli arresti domiciliari per un altro furto compiuto all’interno dell’ospedale folignate qualche giorno prima. Accusata di evasione e furto aggravato è stata così dichiarata nuovamente in arresto. Nell’udienza di convalida che si è tenuta al Tribunale di Spoleto, è stata convalidata la misura cautelare dei domiciliari, questa volta con l’applicazione del “braccialetto elettronico”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento