Foligno, la gelosia costa la libertà ad un giovane extracomunitario

Prima un acceso diverbio, poi l'aggressione lungo i binari della stazione. Gli agenti della Polfer arrestano uno straniero di 35 anni, la vittima un italiano che accompagnava l'ex dell'aggressore. 

Gli agenti della Polfer di Foligno

Stalking, violenza privata, lesioni personali e sfruttamento della prostituzione. Sono questi i reati contestati ad un 35enne che nei giorni scorsi ha aggredito con un pugno al volto un uomo, dopo un acceso diverbio avvenuto lungo il primo binario della stazione ferroviaria di Foligno. A sferrare il pungo un cittadino extracomunitario - irregolare sul territorio nazionale e già destinatario di numerosi ordini di espulsione - ai danni di un italiano. Lo straniero, che si è dato subito alla fuga, è inoltre già noto alle forze dell'ordine per una serie di reati contro il patrimonio e la persona. L'indagine lampo, coordinata dalla procura della Repubblica di Perugia e condotta dalla Polizia di Stato, in particolare dalla sezione Polizia Ferroviaria di Foligno ha portato da subito, nonostante la fuga, all'individuazione dell'aggressore. Il 35enne inizialmente ha fornito anche false generalità, facendo scattare subito la segnalazione all'Autorità Giudiziaria, successivamente alla perquisizione l'uomo è stato poi trovato in possesso di due coltelli con la conseguente denuncia per porto abusivo di oggetti e arnesi atti ad offendere. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, l'arrestato aveva casualmente incontrato l'uomo in stazione a Foligno in compagnia della donna con cui in passato aveva avuto una relazione e, in preda alla gelosia, lo ha aggredito.  

Logo rgu.jpg

di Giusy Ribaudo

Aggiungi un commento