Foligno, lotta ai parcheggiatori abusivi dell'ospedale

Cinque i cittadini extracomunitari a cui è stata comminata una multa da 771 euro ciascuno

Carabinieri

Continua la lotta contro i parcheggiatori abusivi all'ospedale San Giovanni Battista. Venerdì mattina i carabinieri della compagnia di Foligno, coadiuvati anche da alcuni equipaggi del nucleo radiomobile, hanno effettuato un servizio di controllo straordinario nelle aree di sosta dell'ospedale folignate al fine di contrastare il fenomeno che vede coinvolti cittadini extracomunitari i quali, in cambio di piccole somme di denaro, indirizzano i cittadini alle aree di sosta presenti nel parcheggio. I militari, nel corso dei controlli al San Giovanni Battista, hanno accompagnato agli uffici dell'Arma cinque cittadini nigeriani tra i 30 e i 40 anni, residenti nel comune di Foligno, multati con una sanzione di 771 euro ciascuno. I carabinieri hanno anche proceduto al sequestro delle somme di denaro illecitamente percepite per un importo complessivo di 30 euro. Uno degli stranieri è anche stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Spoleto in quanto dagli accertamenti è emerso che l'uomo non aveva ottemperato al decreto di espulsione emesso nel dicembre scorso dal Prefetto di Perugia. Per un altro cittadino nigeriano, infine, è stata avviata la procedura per l'emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Foligno per tre anni. I carabinieri della compagnia di Foligno hanno assicurato, infine, che i servizi straordinari per il contrasto a ogni forma di illegalità continueranno anche nei prossimi giorni.

Logo rgu.jpg

di Annalisa Marzano

Commenti

Bravi !!!! Un plauso ai carabinieri e tutta l'amministrazione folignate per l'impegno profuso per la lotta all'abusivismo dettata non tanto dal bisogno quanto da un malcostume di persone abituate alla illegalità e al non rispetto delle regole. Continuate così, i cittadini tutti sono dalla vostra parte. mi auguro che le stesse misure vengano prese ovunque visto che il fenomeno è dilagante e molte amministrazioni sembrano prendere sottogamba il problema causando non pochi fastidi a cittadini per lo più anziani che si trovano costretti a dare soldi per paura di ritorzioni o reazioni aggresive tali da cagionare loro danni fisici irrimediabili vista l'età. bravi avanti cosi'. Avrete capito che io sono dalla vostra parte e dalla parte della legalità ovviamente!!!

Aggiungi un commento