Giovane accoltellato a Spoleto: i carabinieri arrestano quattro persone

L'accusa per i presunti colpevoli è quella di tentato omicidio. I fatti risalgono al mese di maggio, quando un 22enne fu preso di mira dall'ira degli aggressori

Carabinieri

Tentato omicidio. E' questa l'accusa nei confronti di quattro persone, ritenute responsabili di aver aggredito ad inizio maggio un 22enne marocchino nella frazione spoletina di San Giovanni di Baiano. Si tratta di quattro italiani di 36, 34, 25 e 18 anni, tutti residenti a Spoleto: alcuni di loro con dei precedenti penali. Dei quattro arrestati, tre sono finiti nel carcere di Maiano, mentre per uno di loro, il cui ruolo sarebbe stato marginale, sono scattati i domiciliari. Gli arresti sono stati effettuati dai carabinieri di Spoleto nel corso della notte. Come detto, i fatti risalgono allo scorso mese, quando un 22enne di origini marocchine fu aggredito a seguito di una discussione avvenuta con la fidanzata di uno degli aggressori. Dopo aver assistito alla scena nel campetto della frazione spoletina, uno degli indagati si è allontanato per far ritorno poco dopo in auto con gli altri tre complici, tra i quali c'era proprio il fidanzato della ragazza. Uno di loro è rimasto a bordo della vettura, mentre gli altri tre, armati di spranghe e coltelli, hanno colpito il marocchino con più coltellate all'addome e al braccio, con l'intento – secondo gli inquirenti - di ucciderlo. Solo grazie alla pronta reazione della vittima e all'aiuto dei presenti si è potuto scongiurare il peggio, con la banda che si è poi data alla fuga. Il nordafricano è stato poi sottoposto d'urgenza ad un delicato intervento chirurgico al “San Matteo degli Infermi” di Spoleto, per essere dimesso dopo diverse settimane. Nel corso dell’esecuzione delle misure cautelari, sono state rinvenute e sottoposte a sequestro, a carico di due degli indagati, diverse armi da taglio e un modico quantitativo di hashish. Le indagini condotte dai militari, sono coordinate dal sostituto procuratore Elisa Iacone e sono state svolte attraverso intercettazioni e l'ascolto dei racconti di alcune persone.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento