Intossicati dal monossido di carbonio: paura per una famiglia a Foligno

Coinvolti padre, madre e tre figli, trasportati d’urgenza all’ospedale cittadino e poi trasferiti al Centro di medicina iperbarica di Fano

L’ambulanza in dotazione alla Croce Bianca

Paura a Foligno per un’intera famiglia rimasta intossicata. L’episodio è avvenuto nella serata di mercoledì nella periferia cittadina, quando padre, madre e tre figli hanno riportato un’intossicazione da monossido di carbonio, dovuta probabilmente all’utilizzo di un braciere.

Scattato l’allarme, sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno così prestato le prime cure ai cinque membri della famiglia, poi trasportati in ospedale. La permanenza al San Giovanni Battista, però, è durata poco: l’acuta intossicazione della coppia e dei suoi tre figli ha infatti reso necessario il trasferimento al Centro di medicina iperbarica di Fano. Trasferimento a strettissimo giro che ha visto in prima fila anche la Croce Bianca.

L’associazione di pubblica assistenza, oggi guidata da Salvatore Stella, ha infatti messo a disposizione un’ambulanza con autista, affiancando l’intervento coordinato dal 118 e dal pronto soccorso del San Giovanni Battista. “Professionalità e rapidità - fanno sapere dalla Croce Bianca - che hanno permesso il trasporto ed il trattamento in tempi congrui di tutti i pazienti”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento