Nessun pensiero in bolletta: da anni usava l'energia elettrica del Comune

A Nocera Umbra scoperta una persona che aveva collegato le sue tre abitazioni private al contatore pubblico. Ora il contravventore dovrà restituire i soldi sottratti alle casse dell'ente

Casette di legno

Da anni la bolletta elettrica non lo impensieriva, visto che al gestore dell'energia non risultavano allacciate le sue tre abitazioni. Per la corrente, il soggetto in questione si era infatti allacciato alla rete pubblica. E' quanto scoperto a Nocera Umbra dai tecnici comunali, coadiuvati nel lavoro dagli agenti della polizia locale e dai carabinieri. Tutto nasce da alcune operazioni di controllo effettuate su diversi contatori di energia elettrica che si trovano nei villaggi abitativi nel territorio nocerino. L'ufficio tecnico del Comune, a seguito di alcune anomalie riscontrate sui consumi di un contatore in località Isola, ha deciso si effettuare un sopralluogo congiunto con il personale della società elettrica, insieme alle forze dell'ordine. L'impressione di un furto di energia elettrica ai danni del Comune di Nocera Umbra ha trovato quindi conferme. Al contatore manomesso risultavano allacciate tre abitazioni private. Tre “casette di legno” del terremoto che da anni risultavano senza allaccio alla rete elettrica. Inoltre, con una ulteriore modifica, era stata anche aumentata la potenza utilizzata rispetto a quella prevista. Il Comune di Nocera Umbra ha quindi sporto denuncia nei confronti del contravventore, per un danno economico ancora da quantificare ma che si aggira intorno ad alcune migliaia di euro. Nel frattempo i carabinieri, insieme ai tecnici Enel e quelli comunali, stanno effettuando ulteriori sopralluoghi anche in altri villaggi post-sisma, per verificare eventuali ulteriori situazioni anomale. “Ringrazio tutto il personale intervento per aver individuato, e fatto cessare – commenta il sindaco nocerino, Giovanni Bontempi -, un furto nei confronti della collettività. Ora procederemo anche al recupero dei soldi sottratti in questi anni”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento