Partita al bar in zona rossa: multati. Il titolare va in caserma e minaccia i carabinieri

A Spello alcune persone stavano seguendo l'evento sportivo in tv, i militari intervengono per far rispettare le normative anti Covid. Barista denunciato per aver continuato la protesta

I carabinieri di Spello

Sono stati beccati a guardare la partita di calcio in tv al bar e per questo sanzionati. È accaduto il 21 febbraio scorso a Spello, quando i carabinieri della locale stazione hanno notato all’interno di un locale del centro storico cinque persone intente, appunto, a guardare partita. Entrati nel bar, i militari hanno chiesto agli avventori di esibire i documenti identificativi e, come disciplinato dalla normativa attualmente in vigore, hanno sanzionato sia i presenti che il gestore. Per il proprietario del bar, scattata anche la chiusura dell’attività per cinque giorni. Decisione che non è piaciuta all’uomo, che ha iniziato ad inveire, con frasi ingiuriose e lesive sia del prestigio delle istituzioni che degli operatori, nei confronti di entrambi i militari, anche alla presenza di altre persone che proprio in quel momento passavano lungo la via. Trascorso qualche giorno, il proprietario del bar si è presentato in caserma lamentandosi nuovamente dell’operato dei militari e, dopo aver ancora una volta inveito contro di loro, li ha anche minacciati. A questo punto, l’uomo è stato denunciato per le ipotesi di reato di oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale. L’operazione condotta dai militari nel centro storico della Splendidissima Colonia Julia rientra nell’ambito dei consueti sevizi di controllo finalizzati alla verifica del rispetto delle misure volte al contrasto e contenimento della diffusione del Covid-19.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento