Spello, si è spento l'ex sindaco Bagliani

Alla guida della città dal 1980 al 1995, si è spento nella nottata di lunedì. La governatrice Marini: "Scompare una persona straordinaria"

Lutto

Si è spento lunedì notte Gino Bagliani, ex sindaco di Spello per ben tre legislature. Bagliani ha guidato la Splendidissima Colonia Julia dal 1980 al 1995. La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha voluto esprimere alla sua famiglia il personale cordoglio e quello della giunta. LA PRESIDENTE MARINI - "Gino Bagliani ha segnato profondamente – ricorda la presidente Marini - la rinnovata identità di Spello, che in quegli anni ha vissuto una profonda trasformazione. Soprattutto fu la sua forte consapevolezza delle straordinarie potenzialità turistiche e culturali della città a spingerlo ad investire ogni forza per renderla attrattiva e vocata al turismo, tanto da renderla un vero e proprio modello, poi imitato da molti altri piccoli centri della regione". "Nasce così – prosegue Marini - la manifestazione ‘Incontri per le strade', ancora oggi uno degli eventi più apprezzati in Umbria che vede protagoniste la musica, l'arte, la narrativa e il teatro, che ebbe tra i primi protagonisti il grande artista Emilio Greco che si legherà poi a Spello, tanto da spingerlo a donare alla città di Spello una cospicua collezione di opere, oggi patrimonio dell'amministrazione comunale". "Con Gino Bagliani – conclude - scompare una personalità che ha svolto la sua attività politica ed amministrativa con straordinaria passione, onestà e rigore, interpretando la sua funzione nell'esclusivo interesse generale e della collettività". IL SINDACO LANDRINI - “A nome mio e dell’amministrazione comunale – si legge in una nota a firma del sindaco di Spello, Moreno Landrini - esprimo profondo cordoglio e sentimenti di vicinanza alla famiglia di Gino Bagliani. Nel salutare Gino – dichiara in conclusione l’attuale primo cittadino - lo ringraziamo per il suo costante impegno istituzionale e sociale e per l’attenzione sempre dimostrata verso la città”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento