Spoleto e Norcia, due arresti in poche ore

In manette uno spoletino per coltivazione e spaccio di marijuana ed un nursino per danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Una denuncia anche per possesso di armi senza autorizzazione

Una pattuglia dei carabinieri

Una vera e propria serra in casa per la coltivazione e lo spaccio di marijuana. È quanto aveva messo in atto un giovane spoletino, incensurato, tratto in arresto dai militari di Norcia nell’ambito di una più vasta operazione della compagnia dei carabinieri di Spoleto, volta a reprimere e a contrastare un sodalizio dedito al traffico di cocaina. E così martedì sera nella casa del giovane i militari hanno trovato delle piante alte un metro e mezzo, oltre ad alcuni bilancini di precisione. A finire nei guai anche un altro spoletino, noto alle forze dell’ordine, denunciato perché trovato in possesso, senza alcuna autorizzazione, di un tirapugni con lame, un macete artigianale della dimensione di circa 80 centimetri e una pistola beretta, modello 98 Fs “scacciacani”, modificata. Una notte brava, inoltre, è costata cara ad un cittadino nursino. L’uomo nella tarda serata di martedì si è infatti recato in un bar del centro, iniziando prima ad infastidire il titolare del locale e successivamente i passanti, fino ad aggredire una persona. Tavoli e bicchieri rotti in strada, è stata questa la scena che i carabinieri della tenenza di Norcia, allertati dal vicinato, hanno trovato sul posto. I militari, quindi, con non poche difficoltà, sono riusciti a bloccare e ad arrestare l'uomo per danneggiamento aggravato e resistenza a pubblico ufficiale. 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento