A Foligno torna il concorso che premia gli imprenditori sostenibili

Promossa dal Club Unesco della presidente Gabriella Righi, l’iniziativa vedrà arrivare nella Valle Umbra ospiti da 13 regioni italiane

Da sinistra Rita Barbetti e Gabriella Righi

Ci saranno anche la Slovenia e la Romania tra i partecipanti alla nona edizione del premio “La fabbrica nel paesaggio” che il Club per l’Unesco di Foligno e della Valle del Clitunno della presidente Gabriella Righi torna a promuovere anche in questo 2018. L’appuntamento è per venerdì 12 e sabato 13 ottobre e vedrà protagoniste le città di Foligno e Trevi. Ventisette, nel complesso, le candidature presentate da parte di altrettanti club, di cui 25 italiane e - come detto - due straniere. Candidature che sono espressione di imprenditori o enti ed istituzioni  il cui merito è quello di aver dato un volto sostenibile e rispettoso dell’ambiente a fabbriche e immobili disseminati per il territorio nazionale ed internazionale. Come l’operazione Lavazza, che ha portato al restauro di un intero quartiere torinese. Quello di Aurora, a pochi passi da dove Luigi Lavazza iniziò a muovere i suoi primi passi da imprenditore e che oggi è un luogo aperto a tutti, con edifici sostenibili ma anche alberi e panchine. O anche l’esperienza umbra di Brunello Cucinelli, primo vincitore in assoluto del concorso “La fabbrica nel paesaggio”. Come loro, però, tanti altri imprenditori ma anche tante realtà pubbliche. Si, perché i premi saranno due: uno rivolto al privato e l’altro, come detto, a istituzioni o enti pubblici. Ai vincitori andrà un’opera dell’artista folignate Sergio Marini, che ben incarna i valori dell’Unesco, a cominciare dall’educazione. Lo stesso concorso promosso dal Club di Foligno e della Valle del Clitunno ha tra i suoi scopi quello educativo, il voler dare un esempio di come si possa fare impresa e operare tutelando l’ambiente circostante. A valutare i singoli progetti, decretando i numeri uno di questa nona edizione, sarà una giuria composta da rappresentanti di associazioni nazionali ed internazionali preposte alla salvaguardia del patrimonio paesaggistico, del mondo della cultura e da docenti universitari. Il concorso, infatti, è patrocinato dalla Commissione italiana per l’Unesco, dall’Iccrom, dall’Icomos e dal Mibac. Oltre ai partecipanti, ad arrivare in Umbria saranno però anche gli esponenti di ben 45 club Unesco e numerosi sindaci per un totale di 127 ospiti e 13 regioni rappresentae. “Un’occasione importante - ha dichiarato a questo proposito il vicesindaco ed assessore alla cultura, Rita Barbetti - per la promozione del territorio. Un vero e proprio volano per il comparto turistico”. Una volta nel Cuore verde d’Italia, infatti, gli ospiti avranno modo di partecipare a visite guidate e piccoli tour che gli permetteranno di scoprire ed ammirare le bellezze e degustare le eccellenze della Valle Umbra. La cerimonia di premiazione è invece in programma per sabato 13 ottobre, alle 16, nella sala Rossa di Palazzo Trinci. 

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento