Hispellvm, chiusura record per l'edizione 2016

Spello rivendica con forza le sue origini romane rievocando il "Rescritto di Costantino". Il sindaco Landrini: "Straordinario strumento di promozione turistica"

Un momento del convivio di Hispellvm

Un connubio indissolubile tra Spello e i romani. A ribadirlo con forza è stata Hispellvm, la manifestazione che per quattro giorni ha riportato la Splendidissima Colonia Julia ai fasti dell'antica capitale religiosa degli Umbri grazie al “Rescritto di Costantino” del 336 d.C. Domenica si è chiusa l'edizione 2016, con numeri record per spettacoli, riti, rappresentazioni e conferenze che hanno portato a Spello oltre 5mila persone. Un successo ottenuto grazie all’importante collaborazione tra l’associazione Hispellvm presieduta da Sandro Vitali, le gentes Flavia, Iulia e Flaminia, la Legio XXII PPF, gli Ombrikos, gli Equites Legionis, tutti impegnati attivamente nei vari eventi che si sono susseguiti a cominciare dalla messa in scena del corteo delle gentes romanae et Ombrikos con oltre 400 figuranti e le scenografiche rappresentazioni a Villa Fidelia. Grande successo per il “Convivivm et Spectacula” realizzato grazie all'esperienza consolidata dello staff di CoopCulture e dell'associazione "Spello in tavola" con La Cantina e Il Postiglione, hanno permesso la messa in scena nel Parco archeologico di Porta Consolare (Piazza Kennedy) di un vero e proprio convivio romano allietato da aneddoti, curiosità e intrattenimento, tutto in stile rigorosamente romano. Le scene di vita quotidiana realizzate in diversi angoli di Spello hanno inoltre richiamato molti visitatori così come molto positiva è stata la partecipazione ai vari appuntamenti della rappresentazione teatrale nella piazzetta della Loggia dedicata a Plauto a cura di Progetto Teatro Italiano. Gran finale domenica pomeriggio al Circus Hispellas in via della Liberazione dove le gentes si sono sfidate nelle spettacolari gare di corsa delle bighe e nella lotta greco romana i cui punteggi finali hanno decretato la vittoria della gens Flavia che si è aggiudicata il prestigioso stendardo disegnato da Vincenzo Martini. “Il fil rouge che ha accompagnato Hispellvm dal momento della sua ideazione a oggi è stato sempre quello del grande impegno di tutti i soggetti coinvolti, un impegno che ha permesso con il prezioso riconoscimento da parte della Regione Umbria di annoverare la manifestazione tra le rievocazioni storiche della nostra regione – ha commentato il sindaco Moreno Landrini –. Questo significativo punto di partenza deve essere per tutta la città da stimolo per far crescere ancora di più Hispellvm quale straordinario strumento di promozione turistica e culturale oltre che di coesione sociale, vista anche la numerosa presenza giovanile registrata in questa edizione”. La manifestazione è promossa dall’Associazione Hispellvm in collaborazione con il Comune di Spello e la Pro Spello nell’ambito della rassegna “Incontri per le Strade”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento