Premio Fulgineamente, domenica si conoscerà il vincitore della terza edizione

Quattro i finalisti che si contenderanno il podio del concorso letterario giunto quest’anno alla sua terza edizione. Ad ospitare la cerimonia la sala Rossa di palazzo Trinci

La Sala Rossa di Palazzo Trinci

Domenica 15 dicembre, alle 17.30, la sala Rossa di palazzo Trinci, a Foligno, ospiterà la cerimonia di assegnazione del premio letterario FulgineaMente, giunto alla terza edizione. Quattro i finalisti, selezionati da un’apposita giuria tecnica: Tommaso Dottori con il libro "L'ordine degli eventi", Loredana Frescura e Marco Tomatis con "Io sto con loro", Roberto Vallerignani con "Benvenuti a Villa Paradiso” e Valeria Ventura con "Le Innocenti”.

Autori ed opere che, nel corso dell’evento, saranno presentati da Paolo Angelucci, Arianna Ciancaleoni, Alessandra Squarta e Paola Blasucci. Ad intervallare le presentazioni dei libri le sinfonie musicali di Massimo Santostefano. Le quattro opere finaliste sono state scelte - come detto - da una giuria tecnica presieduta dal giornalista della Tgr dell’Umbria, Mino Lorusso. Poi la palla è passata ad una giuria popolare, composta da quaranta elementi, chiamata a scegliere il vincitore. Il premio Fulgineamente, lo ricordiamo - è organizzato dall'omonima associazione presieduta da Ivana Donati,  che presenzierà all’evento insieme alla sua vice Michela Mattiuzzo.

I candidati al premio Fulgineamente negli scorsi mesi erano stati presentati in alcuni dei più bei borghi umbri. Quarantasei i candidati in questa terza edizione, nel corso della quale quindi si è registrato un aumento del numero delle opere in concorso rispetto al passato: nella prima edizione erano state dieci, ventiquattro nella seconda. Obiettivo dell’iniziativa far conoscere gli scrittori a potenziali lettori ed al contempo dare la possibilità ai candidati di conoscersi tra di loro. Un modo per far si che gli scrittori possano confrontarsi reciprocamente. “Raramente infatti - spiegano dall’associazione Fulgineamente - accade che gli scrittori, durante i premi letterari, abbiano la possibilità di conoscersi, presentarsi, addirittura studiarsi, considerando che, di solito, vengono presentati individualmente”.

Logo rgu.jpg

di Sofia Lombardo

Aggiungi un commento