Da Ravenna a Foligno in bicicletta per celebrare Dante Alighieri

Sabato una delegazione Fiab ravennate ha raggiunto la città della Quintana per un evento inserito nelle “Giornate Dantesche”. Ad attenderli Pietro Stella e Luca Radi per una visita

La delegazione ravennate a Foligno

Corroborare il legame tra Foligno e Ravenna, unite nel segno di Dante e della bicicletta. È con questo spirito che, nella giornata di sabato, una delegazione della Fiab ravennate, tra cui Edoardo Giangiulio e Mauro Farinella, è arrivata nella città della Quintana dopo aver pedalato per oltre duecento chilometri. Ad attenderli, il presidente della Fiab folignate, Pietro Stella, e l’organizzatore de La Francescana, Luca Radi, per un’iniziativa inserita all’interno delle “Giornate Dantesche”. Dalla città che custodisce le spoglie del Sommo Poeta, Ravenna, dunque, a quella che ha dato alle stampe l’editio princeps della Divina Commedia, Foligno. “È un modo per legare i territori importanti per la storia di Dante – ha commentato l’iniziativa Edoardo Giangiulio – alla vigilia del settecentesimo anniversario della sua morte che ricorrerà nel 2021”. Dopo l’arrivo all’ombra del Torrino, la delegazione ravennate ha visitato il Museo della Stampa, ricevendo in dono litografie di arte contemporanea, relative alla Divina Commedia, realizzate nel 2019 dall’artista Giuseppe Stampone. Una mattinata all’insegna dell’amicizia, della storia e della bicicletta, dunque, in cui sembrano essere state anche gettate le basi per qualche progetto futuro.

Logo rgu.jpg

di Matteo Castellano

Aggiungi un commento