Sant'Eraclio, buona la prima per il Carnevale dei ragazzi

A Foligno ha preso il via il consueto appuntamento con i carri allegorici. Domenica prossima si replica con la seconda delle tre date

Uno dei carri del Carnevale di Sant'Eraclio

Le sei gigantesche creazioni allegoriche del Carnevale dei ragazzi di Sant'Eraclio si sono messe in moto. Domenica pomeriggio, infatti, la piccola frazione di Foligno ha fatto da sfondo – come avviene da 57 anni a questa parte – al primo corso mascherato, che ha visto la partecipazione del pubblico delle grandi occasioni. Complice anche il beltempo – dalle temperature quasi primaverili – grandi e piccini si sono riversati per le strade, per accogliere tra sorrisi ed applausi i carri allegorici ed i gruppi mascherati. Sei, come detto, le creazioni realizzate da altrettanti cantieri: “Girocento”, “Love” “3018 Archeo Carnevale”, “I Superpigiamini” “Tra Realtà e Cibernetica” e “Capitan Sventura”. Ad allietare la parata carnevalesca artisti e marionette giganti, ma anche le esibizioni musicali tra funky, samba, mambo e blues degli “Sbandati Marching Band” nati nel 2009 da un’idea di Sauro Rosignoli. A far ballare il pubblico, poi, “The Golden Age 4.0”, la festa di culto generazionale del “Supersonic Music Club” dal palco di piazza Fratti. Sempre nella giornata inaugurale del Carnevale di Sant'Eraclio, si è tenuta la prima valutazione del quinto trofeo “Alfio Pace” che sarà assegnato, domenica 11 febbraio dalla famiglia Lupparelli, al migliore tra dei sei cantieri. Ma quello di domenica è stato anche l'appuntamento con “I racconti del Castello: Alla ricerca della corona perduta” spettacolo itinerante nell’antico fortilizio dei Trinci offerto dagli artisti da strada dell’“Academy Circus”. Come sempre, infine, porte aperte all'Osteria del Carnevale, pronta a deliziare i palati di bambini e adulti. La prossima domenica il secondo dei tre appuntamenti con la sfilata dei carri allegorici. 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento