Spello, intervento di restauro per la lapide dedicata ai caduti e dispersi della Grande Guerra

Partiti negli scorsi giorni, i lavori rientrano nel progetto di consolidamento del palazzo comunale finanziato dalla Regione per 150mila euro

L'intervento di restauro del loggiato del palazzo comunale di Spello

È partito negli scorsi giorni l’intervento di restauro conservativo ed estetico della superficie decorata presente all’interno del loggiato del palazzo comunale di Spello. I lavori stanno interessando la pittura murale, fortemente danneggiata a causa dell’usura del tempo, che si trova nella parte destra del loggiato e realizzata a decorazione della Lapide che onora gli 86 caduti e i 14 dispersi spellani della Prima Guerra Mondiale. In cantiere un intervento da 5mila euro che rientra nel più ampio progetto di consolidamento del palazzo di piazza della Repubblica che ospita il municipio finanziato dalla Regione Umbria per 150mila euro.

L’opera è attribuita, da fonti archivistiche, all'artista locale Benvenuto Crispoldi, sindaco di Spello dal 1915 al 1919. Secondo quanto emerge dall’archivio comunale, infatti, il commissario prefettizio affidò l’incarico a Crispoldi, che realizzò l’opera pittorica gratuitamente, fatta eccezione per le spese per i materiali e la decorazione della parete sulla quale la lapide fu collocata.

I lavori, che permetteranno la ripulitura della lapide e di quella in memoria delle vittime della Seconda Guerra Mondiale che si colloca nella parete laterale al dipinto murario, si concluderanno entro i primi giorni del mese di dicembre.

“Nell’ambito degli interventi di consolidamento del palazzo comunale – ha commentato il sindaco Moreno Landrini - abbiamo voluto prevedere anche il restauro di un luogo significativo che custodisce la memoria storica della nostra comunità. Con questo risanamento - ha concluso - si aggiunge un ulteriore tassello alla valorizzazione della nuova piazza della Repubblica, importante punto di riferimento dell’incontro e dello scambio e centro vitale della città”.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento