Turismo, a Montefalco ancora trend positivo

I dati comunicati dall'ufficio statistico del servizio turistico comunale segnano un aumento del 13,28 sul fronte degli arrivi. Bene il maxi ponte di Pasqua anche grazie al Museo

Montefalco ed i colori delle sue vigne

Montefalco, la Ringhiera dell’Umbria, si conferma ancora una volta la meta preferita dei turisti. A dirlo sono i dati diffusi dall’ufficio statistico del servizio turismo del Comune guidato da Donatella Tesei, in base ai quali nel primo trimestre 2019 si sono registrati aumenti del 13,28 per cento sul fronte degli arrivi e 20,11 per cento su quello delle presenze rispetto allo stesso periodo del 2018. Nel complesso, da gennaio a marzo, gli stranieri che hanno scelto le strutture alberghiere sono aumentati del 40,48 per cento, mentre gli italiani che hanno preferito gli esercizi extralberghieri sono stati il 46,07 per cento. “Un dato significativo - spiegano dall’amministrazione montefalchese - se confrontato con la media totale dei flussi turistici registrata in tutto il comprensorio, dove si è evidenziata una diminuzione dello 0,65 per cento degli arrivi e del 7,61 per cento delle presenze. A conferma del trend positivo raggiunto nella ringhiera dell’Umbria, si aggiungono anche gli ingressi al Museo di San Francesco che solo nel maxi ponte di Pasqua, 25 Aprile e 1° maggio ha fatto registrare un incremento del 47 per cento di visitatori. Vincente ancora una volta, dunque, il tandem di promozione del patrimonio artistico e l’enogastronomia. Guardando ad un arco di tempo più ampio, negli ultimi dieci anni la crescita è stata del 77 per cento per gli arrivi e del 35 per cento per le presenze.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento