Una tradizione di 35 anni e tante novità: Valtopina torna ad essere capitale del tartufo

Due fine settimana (21-22 e 28-29 novembre) per uno degli eventi più longevi del territorio. Da quest'anno un cartellone ricco di sorprese

Presentazione della 35esima edizione della Mostra Mercato del Tartufo

La Mostra Mercato del tartufo di Valtopina scalda i motori. Ai trentacinque anni di esperienza, per questa edizione 2015 l'importante rassegna dedicata al principe dei funghi sotterranei, farà per due settimane del piccolo comune umbro, la capitale di una delle eccellenze del territorio. L'appuntamento è per domani e dopodomani, per riprendere poi sabato 28 e domenica 29 novembre. Un'occasione importante per degustare il tartufo bianco e nero proposto – è proprio il caso di dirlo – in mille varianti e non solo alimentari. Alla tradizionale mostra mercato, quest'anno si affiancherà anche una formula innovativa. “Abbiamo cercato di introdurre qualche novità, nonostante una formula che dura da trentacinque anni e che è abbastanza consolidata – spiega il sindaco di Valtopina Danilo Cosimetti ai microfoni di Radio Gente Umbra – cerchiamo di fare qualcosa di diverso per rendere ancora più bella la manifestazione”. In cartellone eventi sportivi, musicali e convegni. E ancora: show cooking, mercatini natalizi e artigianato artistico. “La manifestazione – ha spiegato Cristiana Mariani, presidente di Confesercenti Foligno – punta a diventare un centro di attrazione a livello interregionale”. Il  Parco  del  Centro  Subasio farà  da  cornice  ad  attività  a tutto tondo:  soft  air, equitazione,  urban  trekking  e viste  guidate al  Castello  di  Gallano;   tornerà  la tradizionale  Gara  Nazionale  di  cerca  per  cani  da  tartufo e  sarà  proposto  un  raduno nazionale di auto storiche e moto d’epoca. Il Salone del Tartufo sarà sede della della classica mostra mercato, con tutte le proposte alimentari e non solo, che riguardano il prodotto. Ospiterà anche un convegno sul mondo dell’agricoltura ed uno sul lavoro connesso alle tematiche di agricoltura e territorio. Con “ricette d'autore” spazio a show cooking con grandi chef che arriveranno anche dal mondo della televisione. Per i più golosi anche lo street food da tutto il mondo. Ma la “chicca”, secondo gli organizzatori, sarà il “Festival Valtopina-Woodstock 1969”, con musica anni 60 e 70 per far ballare proprio tutti. Si potrà visitare la mostra micologica, il Museo del Ricamo e del Tessile, partecipare ai giochi popolari di “Hakuna Matata”, degustare la frittata al tartufo gigante, ed ammirare un suggestivo paesaggio autunnale come quello de boschi di Valtopina.

 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento