Cna, il folignate Leonardo Santarelli riconfermato ai vertici nazionali

Dopo quattro anni di buon lavoro, l'imprenditore farà di nuovo parte del consiglio che compone il settore agroalimentare. L'elezione lo scorso fine settimana a Roma

Leonardo Santarelli

C'è un po' di Foligno nei vertici nazionali del settore agroalimentare di Cna, la Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa. Dopo quattro anni di buon lavoro, l'imprenditore Leonardo Santarelli è stato riconfermato all'interno del consiglio di presidenza. Insieme a lui, altri tredici consiglieri che sosterranno di nuovo Mirco Della Vecchia, il presidente uscente che ha ottenuto la fiducia per essere riconfermato. Le elezioni si sono svolte giovedì 27 e venerdì 28 luglio a Roma, con il nuovo consiglio che durerà in carica quattro anni. Per Santarelli, che a Foligno è impegnato a guidare lo storico pastificio “La Romagna”, il lavoro all'interno del consiglio nazionale si va ad aggiungere a quello regionale. L'imprenditore folignate fa parte anche del settore agroalimentare della Cna regionale, essendo stato eletto nel nuovo direttivo da soli quattro mesi. “A livello nazionale – spiega Leonardo Santarelli, contattato dalla redazione di Rgunotizie.it – il lavoro svolto in questi anni è stato stimolante. Il nostro è un lavoro molto tecnico e strettamente legato alle normative”. La Cna Agroalimentare infatti si interfaccia anche con il ministero della Salute e delle Politiche Agricole. Ma qual è lo stato di salute delle aziende agroalimentari? “Rispetto al resto del mondo imprenditoriale, la situazione è buona – spiega Santarelli – la domanda interna è stabile, ma le esportazioni sono in crescita”. La riconferma di Della Vecchia e della sua squadra di governo è strettamente legata anche alla crescita degli associati dell'agroalimentare che, a differenza di altri settori, ha fatto registrare un segno più. “In particolare l'Umbria – conclude Santarelli – è tra le pochissime regioni d'Italia che ha evidenziato grandi numeri in termini di associati e risultati”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento