Contributi fino a 3mila euro per gli anziani non autosufficienti del Folignate

Gli utenti della zona sociale 8 avranno tempo fino alla fine del mese di gennaio per chiedere un aiuto nella copertura dei costi dell’assistente familiare

Palazzo comunale di Foligno

Avranno tempo fino al 31 gennaio prossimo i cittadini over 65 non autosufficienti della zona sociale 8 per presentare la domanda con cui ottenere un contributo a copertura parziale dei costi dell’assistente familiare. Gli utenti che parteciperanno all’avviso pubblico potranno ottenere un contributo massimo di 3mila euro per 12 mesi.

L’obiettivo è chiaro: rafforzare il diritto degli anziani a condurre una vita dignitosa, al fine di riconoscere loro indipendenza e partecipazione alla vita sociale e culturale. Si intende così migliorare e potenziare l’offerta di prestazioni legate alla cura della persona ed alla sua tutela.

Possono accedere al servizio le persone anziane non autosufficienti, in possesso dei requisiti previsti dall’avviso, tra cui l’aver compiuto 65 anni di età e l’essere residenti in uno Comuni della zona sociale 8, che ricomprende le città di Foligno, Bevagna, Gualdo Cattaneo, Montefalco, Nocera Umbra, Sellano, Spello, Trevi e Valtopina. La domanda potrà essere presentata a mano allo Sportello unico integrato (ex Urp) del Comune di Foligno, capofila zona sociale 8, in piazza della Repubblica 10, a Foligno, oppure tramite raccomandata a/r all’indirizzo: Comune di Foligno – area diritti di cittadinanza – ufficio di piano – Piazza della Repubblica, 10 oppure attraverso posta elettronica certificata (Pec) all’indirizzo comune.foligno@postacert.umbria.it.

L’avviso pubblico è consultabile sul sito istituzionale del Comune di Foligno, www.comune.foligno.pg.it). Il bando, che promuove la realizzazione di progetti di “domiciliarità per anziani non autosufficienti e per la riduzione della residenzialità”, è finanziato attraverso Programma operativo regionale del Fondo sociale europeo Umbria 2014-2020, asse “Inclusione sociale e lotta alla povertà”. 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento