Ex Pozzi: le rsu incontrano il sindaco Cardarelli

Prosegue il presidio permanente dei lavoratori. All'appello mancano tre stipendi. Si spera negli istituti di credito per l'anticipazione della cassa integrazione

La sede spoletina della ex Pozzi

E' l'Umbria delle mille vertenze e delle mille crisi aziendali, che in queste ultime ore vede purtroppo protagonista la Ast di Terni. Ma tra le tante situazioni difficili ce n'è una che da anni sta tenendo con il fiato sospeso circa 250 lavoratori. Stiamo parlando della vertenza della ex Pozzi di Spoleto, con la disperazione degli operai che oramai è giunta alle stelle. Quest'oggi le rsu dell'azienda hanno incontrato il neo-sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, per chiedere al primo cittadino di attivarsi il prima possibile con il Governo regionale e con le banche per anticipare i soldi della cassa integrazione di questi ultimi due mesi. Da oramai tre di mesi i lavoratori vivono senza lo stipendio ed il disagio diventa sempre più grande. Da diversi giorni oramai sta andando avanti il presidio permanente degli stessi lavoratori, per difendere sia il proprio posto di lavoro che l'azienda dalle scorribande di vandali e ladri. C'è grande attesa inoltre per quello che sarà il quadro che verrà fuori dalla ricognizione che i tre commissari straordinari stanno portando avanti dopo l'arresto del patron Casti.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento