Montefalco, Enologica celebra i 25 anni del Sagrantino Docg

In programma nel mese di settembre un viaggio nella tradizione alla scoperta dei grandi vini e degustazioni di vecchie annate

Un momento di Enologica (foto Pier Paolo Metelli studio)

Il Consorzio tutela vini, il Comune di Montefalco e l’associazione La strada del Sagrantino stanno lavorando alacremente per mettere a punto il ricco programma di eventi che caratterizzerà l’edizione 2017 di Enologica. Sì, perché quello di quest’anno sarà un evento da ricordare vista la concomitanza con i 25 anni del Docg Montefalco Sagrantino. E sebbene ancora non si sappia nulla su cosa attenderà i winelovers, di certo c’è che l’appuntamento è imminente. Le date da segnare in agenda sono, infatti, quelle che vanno dal 15 al 17 settembre prossimo, quando Enologica spegnerà ben trentotto candeline. E in questo contesto i 25 anni della Docg saranno la colonna portante. “Una ricorrenza - spiegano dal Consorzio tutela vini di Montefalco - ma anche un traguardo che simboleggia l’unione e la forza di un territorio con una storia dalle radici profonde”. Al lavoro, dunque, per celebrare quella tradizione e quel percorso evolutivo che hanno portato il Sagrantino e i vini di Montefalco al riconoscimento, sulla scena nazionale e internazionale, di eccellenze del made in Italy. Con i winelovers che, oltre a conoscere le sfaccettature ed avere accesso alle memorie storiche di Montefalco, potranno degustare anche vecchie annate. Con l’occasione, poi, potranno scoprire le terre, i borghi e i prodotti tipici di una tra le aree produttive più rinomate dell’Umbria. A garantire il grande successo dell’edizione 2017 di Enologica saranno, poi, 23 cantine (Antonelli, Arnaldo Caprai, Benedetti E Grigi, Castelgrosso, Colle Ciocco, Dionigi, Fattoria Colsanto, Fongoli, Le Cimate, Lungarotti, Milziade Antano, Moretti Omero, Napolini, Perticaia, Rialto, Romanelli, Ruggeri, Scacciadiavoli, Tenuta Alzatura – Cecchi, Tenuta Castelbuono, Tenuta Rocca Di Fabbri, Terre De La Custodia, Terre Dei Trinci). Quelle che hanno aderito al progetto e che si preparano ora a spalancare lo proprie porte per accogliere appassionati e curiosi.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento