Oma, rinnovo della Rsu: è la Fiom il primo sindacato con il 40,5% dei voti

Centoventinove le preferenze espresse per la Cgil che ha così conquistato due delegati sui sei disponibili. A rappresentare i lavoratori saranno Marco Riommi e Leonardo Moretti

L'Oma Tonti di Foligno

Le tute blu della Cgil tornano ad essere il primo sindacato alla Oma Spa di Foligno. A renderlo noto, a margine del rinnovo della Rsu, è la stessa sigla sindacale, che spiega come la Fiom abbia conquistato il 40,5% delle preferenze. Su 470 aventi diritto, sono stati 324 i lavoratori che hanno partecipato al voto, esprimendo 319 voti validi. Alla Fiom sono andate 129 preferenze, 81 alla Fim Cisl, 67 alla Uilm Uil e 42 alla Ugl.

Numeri che per la Fiom si sono tradotti in due delegati eletti sui sei seggi disponibili. Si tratta di Marco Riommi e Leonardo Moretti, Rsu uscente che è - tra l’altro - risultato il candidato più votato. "Il nostro ringraziamento va prima di tutto ai lavoratori che ci hanno dato fiducia ed anche una grande responsabilità con il loro voto - ha dichiarato lo stesso Moretti -. Ora - ha proseguito -, lavoreremo il doppio per risolvere i problemi che si sono acutizzati in questi anni nella nostra azienda, favorendo la partecipazione attiva di ciascun lavoratore alla vita sindacale”. 

Soddisfazione per il risultato raggiunto è stata espressa anche dal segretario generale della Fiom Cgil di Perugia, Simone Pampanelli. “Si tratta di un risultato di grande importanza - ha commentato -, un riconoscimento dell’impegno e della coerenza della nostra organizzazione e dei suoi delegati che ci carica di grande responsabilità. Dopo anni molto complicati anche nelle relazioni sindacali - ha quindi sottolineato il sindacalista -, questa vittoria ci spinge con grande determinazione a proseguire la nostra azione, sempre nella ricerca dell’unità sindacale e dei lavoratori, per migliorare - ha concluso Pampanelli - le condizioni di lavoro e contribuire al futuro della Oma nel segno della partecipazione e della giustizia”. 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento