Umbria: in vacanza solo una famiglia su tre

Chi resta spende fino a 250 euro per figlio a settimana. I nonni in soccorso 
per accudire i bambini

In vacanza solo una famiglia su tre

La strada è ancora lunga prima di tornare ai livelli pre-crisi degli anni d'oro. A quanto pare, il 56 per cento degli italiani quest'anno non farà la valigia. Non mancano le spese comunque, per chi resta a casa; molti sono i genitori che, con la chiusura estiva delle scuole, cercano delle soluzioni non troppo costose e comunque sicure per lasciare i bambini. A dimostrarlo è anche un' indagine dell'ADOC, il 60% dei genitori lavoratori, lascia i propri figli da nonni o parenti, in quanto le altre soluzioni, dai centri estivi alle baby-sitter, sono troppo care. “E quando si tratta di partire, la spesa per due genitori e un figlio oscilla in media sui 1700 euro per una settimana di vacanza», ha spiegato Angelo Garofalo, presidente Adoc Umbria. Di sicuro le soluzioni per lasciare i bambini d'estate sono molteplici, dai centri estivi privati, il cui costo medio è di 155 euro a settimana per figlio fino a un massimo di 250 euro; ai centri comunali la cui spesa è di 35-40 euro a settimana; sino alla soluzione più conosciuta, quella delle baby-sitter, di 50 euro a settimana. “Ad oggi - secondo il presidente dell'associazione a tutela dei consumatori - queste soluzioni sono scelte da circa il 40% delle famiglie Umbre (di cui il 40% sceglie il campo estivo privato, il 25% opta per la baby-sitter, il 20% per i centri estivi del Comune di residenza e il 15% lascia i figli in oratorio)”. Angelo Garofalo ha continuato poi rimarcando l'importanza del problema sempre più sentito dalle famiglie e la mancanza di interventi in questo campo da parte dello Stato. Le vacanze, comunque, diventano un lusso per pochi. Sempre secondo i dati Adoc, quest'anno una famiglia su tre potrà permettersi le ferie. Si sono anche ridotti i giorni. il 70% delle famiglie che va in vacanza sta fuori al massimo una settimana, solo il 10% sta fuori più di due settimane. «Ad ogni modo – secondo l'ADOC - chi parte deve essere consapevole che una vacanza di una settimana con il proprio figlio costa in media 1700 euro. Se il figlio va in vacanza da solo, una settimana costa in media 400 euro in Italia, all’estero, magari seguendo un corso di lingue, la spesa sale a 700 euro a settimana. Quest’ultima soluzione è scelta da solo il 5% delle famiglie Umbre, negli ultimi 10 anni ha subito un crollo del 40%».

Fonte foto: ADOC 

Logo rgu.jpg

di Silvia Prologo

Aggiungi un commento